Sant’Arpino

Raccolta differenziata, Spanò al lavoro

Rodolfo Spanò SANT’ARPINO. Il vicesindaco e assessore alle politiche ambientali Rodolfo Spanò chiarisce alcuni punti relativi alla questione dell’avvio della raccolta differenziata.

“E’ vero che il termine ultimo è stato rinviato a settembre – ha dichiarato Spanò – ma i motivi sono chiari ed inequivocabili. L’impianto di compostaggio con cui è stato concluso il contratto grazie al Presidente del Consiglio Comunale, dottor Antonio Guarino, ci ha richiesto come busta per la raccolta dell’umido il materiale tipo materbe. Ci siamo allora rivolti alla Novamont s.p.a. che è l’unica azienda in Italia a produrre questo tipo di materiale e la stessa ci ha fornito i nomi dei suoi 8 partners in Italia. Questi ultimi ci hanno però risposto che i tempi di consegna sarebbero stati lunghi. A quel punto abbiamo preferito indire una gara, soprattutto per una questione di trasparenza, al fine di verificare i prezzi e ottenere quelli più competitivi. La gara è già partita e le buste saranno aperte il prossimo 30 luglio. La fornitura delle buste e delle biopattumiere ai cittadini avverrà nei prossimi mesi grazie ai ragazzi del servizio civile che hanno dato la loro disponibilità a collaborare a quest’impegno così importante. E’ partita anche la gara per i carrellati di 240 litri che saranno consegnati alla popolazione a completamento di quelli già esistenti sul territorio. Grazie al contratto stipulato – ha continuato Spanò – il trasporto della frazione umida dei rifiuti al sito di Orta di Atella avverrà puntualmente senza che stazioni nemmeno per un giorno sul nostro territorio2”. L’assessore ha, inoltre, precisato che grazie a questo tipo di conferimento ai cittadini sarà restituito il 30% del compost in vista dell’incentivazione del compostaggio domestico e che è ormai quasi pronto l’Ecocentro provvisorio che servirà a far sì che i cittadini si abituino a conferire volontariamente i rifiuti diversi dal secco indifferenziato e dall’umido. “Il mio appello ai cittadini – ha concluso Spanò – è di essere il più possibile diligenti nella differenziazione perché ciò porterà ad un minor costo di smaltimento e alla riduzione dell’inquinamento ambientale”. La pubblicità e la sensibilizzazione avverranno a costo zero per il Comune grazie agli sponsor che hanno dimostrato la loro sensibilità.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico