Sant’Arpino

L’assessore Lettera scrive ai consiglieri di opposizione

Giuseppe Lettera SANT’ARPINO. Riceviamo e pubblichiamo la missiva dell’assessore Giuseppe Lettera indirizzata ai gruppo consiliare di opposizione del Pd.

In riscontro alla lettera aperta che mi avete indirizzato è opportuno farVi pervenire il mio personale ringraziamento per l’attenzione che avete dimostrato verso le tematiche del mio assessorato.

Mi fa veramente piacere che avete a cuore la pronta risoluzione dei problemi che potrebbero, se non affrontati prontamente, compromettere il normale funzionamento dell’avvio dell’anno scolastico. A me preme molto, almeno quanto preme a Voi, che la Scuola funzioni da subito e nel miglior modo possibile; quindi, la Vs. attenzione ed i Vs. suggerimenti sono sommamente da me graditi.

Ciò detto, però, mi corre anche l’obbligo di pregarVi di essere più tempestivi ed opportuni, perché il vostro intervento, benché gradito, giunge in ritardo ed, in qualche modo, in conflitto con scelte della passata Amministrazione Comunale.

Prima di spiegare i motivi di quanto testé affermato, voglio, però, rassicurare tutti i cittadini ed ancor di più i genitori dei bambini e dei ragazzi che frequentano le nostre scuole che ogni problema è stato brillantemente affrontato e risolto. Mi riferisco innanzitutto alla risoluzione del reperimento delle due aule di prima elementare dell’Istituto comprensivo ‘V. Rocco’ e del problema della refezione scolastica. Nel merito, cari amici dell’opposizione,il vostro intervento è tardivo perchè giungedopo che il mio Assessorato e l’amministrazione comunale nel suo complesso ha risolto il problema del reperimento delle due aule della prima elementare con l’allocazione delle stesse in alcuni locali del ‘CO.DI.’ e con l’acquisita disponibilità dei locali e delle strutture dell’istituto comprensivo ‘V. Rocco’ da parte del Dirigente scolastico per lo svolgimento delle attività sia amministrative che ludiche del CO.DI. Il vs. intervento è, altresì, inopportuno, perché riferito ad un problema creato dalla vecchia amministrazione ed in particolare dal ex sindaco Savoia. Questi, infatti, nel lontano mese di febbraio sottoscrisse un protocollo di intesa con le Autorità scolastiche con il quale obbligava l’Amministrazione comunale a realizzare una sopraelevazione sull’immobile della Scuola materna ‘Rodari’ dove allocare le due aule, senza, però, provvedere preventivamente o anche successivamente a verificare la fattibilità tecnica ed economica di tale soluzione. L’Amministrazione in carica, alla chiusura dell’anno scolastico ed a seguito di formale richiesta del Dirigente scolastico, ha affrontato prontamente il problema, dando disposizione all’Ufficio tecnico comunale di verificare la fattibilità di tale soluzione. (A tal proposito e senza alcuna vena polemica mi chiedo: perché la passata Amministrazione Savoia dal mese di febbraio non ha mai a ciò provveduto?). Purtroppo le prove tecniche di carico del solaio di tale struttura hanno dato esito negativo, costringendo l’amministrazione ad abbandonare tale progetto e ad attivarsi per reperire sul territorio aule idonee.

Anche la vostra preoccupazione del rispetto dei tempi per l’affidamento della refezione scolastica non è fondata, atteso che si è già provveduti ad indire la gara d’appalto di tale servizio. Francamente non si capiscono le ragioni della vostra insistente richiesta di una proroga di tre mesi del servizio. La proroga, che la legge ritiene possibile se eccezionale, andrebbe e va fatta solo se si verificano motivi ostativi al normale affidamento della gara. Voglio anche segnalare a chi non sa che tutto quanto riguarda la refezione scolastica è stato oggetto di ampio dibattito in Consiglio Comunale ed anche in Commissione pubblica istruzione e tutto è stato deciso all’unanimità; anche con il voto favorevole dell’opposizione.

Da ultimo, desidero anche tranquillizzarVi con lo smentire categoricamente quanto da Voi temuto in ordine ad una presunta mancata programmazione della manutenzione ordinaria degli edifici scolastici, come anche della fornitura degli arredi scolastici.

Tanto in omaggio al mio dovere di rispondere e per amore della verità.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico