Italia

Norma “anti-precari”, le modifiche saranno apportate in Cdm

precariROMA. Il governo non intende rivedere lacosiddetta norma anti-precari. La lineaè quella di non modificare la norma in Senato, intervenendo solo in un secondo momento con un successivo decreto di correzione in sede di Consiglio dei Ministri.

A confermarlo è il ministro del Lavoro Maurizio Sacconi: “Sarà quella la sede per intervenire”. Intanto, rispetto alle pesanti critiche mosse dall’opposizione e dai sindacati, il capogruppo alla Camera della Lega, Roberto Cota, difende la norma: “Non è vero che toglie diritti, ma ripristina semmai i diritti negati. Quelli che oggi invocano misure per i giovani che fanno fatica a trovare un posto di lavoro dovrebbero sapere che proprio la norma in questione serve a porre rimedio ad un aggiramento delle norme sul pubblico impiego e sui concorsi pubblici che è stato fatto”. Anche la Confindustria ritiene la norma “in linea con la direttiva europea”.

Di tutt’altro parere il Pd che, attraverso il suo leader Walter Veltroni, parla di provvedimento “politicamente e socialmente inaccettabile, oltre che a rischio di costituzionalità” e chiede unritiro immediato dell’emendamento.Per il segretario generale della Cgil Guglielmo Epifani la norma è stata imposta dalle “lobby” degli imprenditori e rappresenta una “diminuzione dei diritti delle persone”.

Ma il capogruppo del Carroccio Cota insiste e cita come esempio le Poste: “Alle Poste i concorsi sono bloccati perché c’è chi tenta di farsi assumere in modo furbesco. Certi sindacati che oggi pontificano dovrebbero difendere invece chi vuole trovare lavoro in modo trasparente”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico