Italia

Grillo e Guzzanti: insulti e volgarità contro governo e opposizione

Beppe GrilloSabina GuzzantiROMA. La manifestazione “No Cav” indetta dai girotondi a Piazza Navona finisce nel turpiloquio. A destare particolare stupore sono state la telefonata di Beppe Grillo e la presenza sul palco di Sabina Guzzanti.

I due cominci, con la loro pungente satira, hanno attaccato a 360° governo e opposizione, in particolare il presidente del Consiglio Berlusconi, il ministro Mara Carfagna, il leader dell’opposizione Walter Veltroni, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e addirittura anche il Papa. Ad infiammare per primo la folla è il collegamento telefonico di Grillo che comincia ad insultare il Capo dello Stato considerandolo “un Morfeo che sonnecchia, ma poi firma provvedimenti per la banda dei quattro. Io Pertini, Ciampi o Scalfaro non me li immagino a firmare cose del genere…”. Io non ho mai offeso il presidente della Repubblica – ha dichiarato Grillo a Piazza Navona – che però firma delle cose… Ad esempio, un provvedimento per la banda dei quattro. Ve lo immaginate Pertini che firma una cosa per rendersi immune dalla giustizia? Io non lo immagino così come non immagino Ciampi e Scalfaro”. Il comico non risparmia nemmeno i partiti politici invitandoli “a fare il passaporto per un vaffa dopo aver mandato il Paese in rovina”. Anche Berlusconi preso di mira da Grillo che afferma: “E’ andato in Giappone a fare l’ennesima figura di merda… dicendo che a Vicenza si fa la base – e terminando con un’offesa ancora più pesante sottolinea – in qualsiasi Paese del mondo, se un aspirante presidente del Consiglio avesse chiamato per vendere la figa in leasing per far cadere il governo, sarebbe stato un colpo di Stato”.

Subito dopo lo show di Grillo è la volta della Guzzanti che non risparmia davvero nessuno. Comincia a parlare delle intercettazioni del premier Berlusconi intonando una filastrocca: “Osteria delle ministre… paraponziponzipò… le ministre so’ maestre… paraponziponzipò… e se so’ brave a letto figuriamoci in Parlamento… dammela a me Carfagna… le Pari opportunità”. Offese anche contro Papa Benedetto XVI: “Tra 20 anni sarà morto è andrà all’inferno dove sarà conteso da due diavoli frocissimi e attivissimi, non passivissimi”. Ma l’ultimo affondo, ricco di insulti e di volgarità, sono contro Berlusconi e la Carfagna: “A me non interessa la vita sessuale di Berlusconi, non sono una moralista; ma non può diventare ministro delle Pari opportunità una che gli ha succhiato l’uccello – e conclude – Berlusconi usa il viagra, questo lo sanno tutti infatti uno dei suoi nomignoli è “presidente vaso dilatatorio” e i suoi assistenti si chiamano ‘vasellinati’ o ‘vaso dilatati’”.

All’indomani della manifestazione “No Cav” il ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna, in risposta alle parole durissime espresse da Sabina Guzzanti contro la propria persona, in un comunicato stampa si riferisce quanto segue: “In riferimento alle parole volgari e fantasiose della comica Sabina Guzzanti, il ministro delle Pari Opportunita’ Mara Carfagna ha dato mandato all’avvocato di Roma Federica Mondani per adire le vie legali nei confronti della figlia del parlamentare di Forza Italia Paolo Guzzanti”.

Furibonda è stata la replica del parlamentare di Forza Italia Paolo Guzzanti, padre di Sabina, che ha così dichiarato: “Sono indignato per il comunicato emesso dal ministero delle Pari Opportunità, con cui si annuncia l’intenzione di querelare Sabina Guzzanti e in cui la stessa Sabina Guzzanti viene individuata non come la persona individuale che è, ma come ‘la figlia del parlamentare di Forza Italia Paolo Guzzanti’. Ciò costituisce un gravissimo atto di mistificazione e di oggettiva intimidazione, che respingo con disgusto. “Le opinioni e le espressioni di Sabina Guzzanti – continua il parlamentare del Pdl – non formano oggetto di rapporto di parentela, ma, visto che la parentela viene tirata in ballo, esprimo a mia figlia Sabina, di cui non condivido tutte le opinioni, la mia solidarietà di fronte al miserabile tentativo di deprezzare e disprezzare la sua e la mia identità personale e politica”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico