Italia

1 luglio 1931: apre la Stazione di Milano Centrale

Stazione Centrale di Milano Accadde oggi. La nuova Stazione Centrale di Milano apre ufficialmente il 1 luglio del 1931, inaugurata dall’allora Ministro delle Poste e Telecomunicazioni Costanzo Ciano.

Viene a sostituire la vecchia Stazione Centrale che era stata aperta nel 1864, ormai incapace di reggere al traffico ferroviario che gravava sulla principale città del nord Italia. Ancora oggi resta la seconda Stazione Ferroviaria italiana dopo quella di Roma Termini, per traffico di passeggeri. La prima pietra fu posta da Re Vittorio Emanuele III il 28 aprile del 1906, ma bisognerà attendere il gennaio del 1926 per l’avvio dei lavori, che in verità furono abbastanza celeri visto che in circa 5 anni l’opera, maestosa, fu realizzata. Le fasi iniziali di stallo furono dovuti alla forte crisi economica che attanagliò l’Italia della prima guerra mondiale, poi con l’avvento del Fascismo l’idea di dare vita ad una grande opera del regime venne subito fuori. Alberto Fava progettò le grandi arcate lunghe 341 metri che coprono una superficie di ben 66.500 metri quadri. Lo stile complessivo dell’opera è alquanto misto, visto che si passa dal Liberty all’Art Deco. Ovunque comunque si respira l’aria dei grandi spazi, al binario 21 è possibile ancora oggi trovare la Sala Reale, una vera e propria sala di attesa per la famiglia reale. La Stazione ha 24 binari, ed ogni giorno circa 550 treni transitano per Milano Centrale, con un flusso passeggeri che mediamente è di 120.000 persone. Da Milano Centrale è facile arrivare ad Amsterdam, Basilea, Berna, Ginevra, Zurigo, Bellinzona, Parigi (Lyon e Bercy), Nizza, Monaco di Baviera, Vienna, Barcellona , oltre che accedere a tutte le linee nazionali, così come è facile collegarsi al trasporto regionale ed interregionale, alle linee urbane su gomma e alla stazione della metropolitana della M2 ed M3.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico