Caserta

Stellato: “Caserta non sia provincia dormitorio per napoletani”

Peppe SteCASERTA. Questa mattina, il consigliere regionale Peppe Stellato, ospite della trasmissione settimanale di Denaro Tv, Teleconsiglio, ha affrontato assieme al giornalista Vanni Truppi, conduttore in studio, numerosi temi riguardanti il lavoro che il Consiglio Regionale svolge per e sul territorio campano, …

…in particolare alcune decisive tematiche che toccano da vicino la provincia di Caserta, quali quella della crisi economica industriale e dell’edilizia abitativa. “La Campania ha decisamente sempre sofferto il problema del fabbisogno abitativo – ha chiarito Stellato – non solo l’area napoletana che può essere considerata l’emblema di tale fenomeno, ma anche le altre province, in particolare quella di Caserta. Come Regione stiamo lavorando con impegno proprio su questa problematica, e in Commissione, sono stati messi insieme i vari riferimenti normativi che potrebbero essere a sostegno di quelle fasce deboli della popolazione che non riescono a sostenere l’onere di un acquisto o finanche quello della locazione di una casa. Sul territorio casertano in particolare, che ha una complessità di ricchezze territoriali, le quali necessitano essere inserite in specifiche programmazioni, urge un meglio definito sistema di urbanizzazione. Da dieci anni a questa parte, e la cosa non può assolutamente dirsi ancora terminata, l’esodo da Napoli nel casertano, per esempio, ha trasformato l’aspetto del territorio e la provincia si è vista costretta ad affrontare dei veri e propri flussi migratori. E’ necessario dunque, per ovviare ad errori del passato, dove non si era preparati a tali ondate di migrazione dalla provincia napoletana, individuare aree dove preparare e creare un’edilizia abitativa adeguata che non sia dormitorio. Negli scorsi anni non si è saputo creare centri residenziali vivi, ma la provincia di Caserta oggi si candida ad individuare risposte concrete, val a dire servizi e infrastrutture, tra questi strutture scolastiche ad ampia accoglienza e linee viarie strategiche, attrattori anche di ingressi turistici”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico