Caserta

Iodice eletto segretario provinciale del Pd

Enzo IodiceCASERTA. È stato il coordinatore provinciale Sandro De Franciscis a presentare ufficialmente la candidatura di Enzo Iodice come segretario provinciale del Partito democratico, nel corso del suo intervento ieri sera all’assemblea che si è svolta all’Hotel Vanvitelli.

Confermata anche la candidatura, definita “naturale”, di Rosa Suppa alla presidenza. Alla fine l’assemblea ha confermato le previsioni: Iodice eletto segretario con 167 voti contro i 48 di Ceceri, Suppa presidente con 158 consensi contro i 31 della Modestino. Tesoriere, per acclamazione, Felice Del Monaco. A presiedere i lavori c’era il sindaco di Caserta Nicodemo Petteruti, affiancato dal capogruppo ed dal coordinatore alla Provincia Pietropaolo Ciardiello e Angelo Piccolo, la dirigente Eliana Guadagnuolo ed il segretario regionale Tino Iannuzzi.

La riserva dell’assessore all’Urbanistica al Comune di Caserta, Chicco Ceceri è stata sciolta proprio nel corso dell’assemblea: “Oggi si chiude una parabola politica e personale (il riferimento è all’antica amicizia che lo lega a De Franciscis ndr). Il progetto era affermare l’autonomia del territorio, così come è avvenuto sin dal 1998, quando sostenemmo la candidatura alla segreteria regionale dei Popolari di De Franciscis, fino a giungere alle primarie dell’ottobre dello scorso anno. Mi sembra che ci siamo allontanati da questo percorso con la candidatura ufficiale di Iodice; la sua storia politica è collegata a Bassolino, come la mia a De Franciscis”.

Uno scontro a due tra Iodice e Ceceri per la guida della segreteria e lo stesso per la presidenza con il confronto tra la Suppa e Stefania Modestino. Non sono bastati però il sostegno del consigliere regionale, Giuseppe Stellato, e di qualche parlamentare, oltre che degli amici di sempre. Il coordinatore provinciale provvisorio aveva fatto, come nei giorni scorsi un appello all’unità prima di lanciare il nome di Iodice, come “frutto del consenso che ho visto crescere soprattutto negli ultimi giorni” e di fronte alla realtà di una seconda candidatura, De Franciscis ha concluso: “Altri nomi in campo devono essere considerati come una ricchezza nel corso del confronto politico, la mia proposta non ho la presunzione di affermare che sia l’unica, ma la considero la più condivisa”. La candidatura di Iodice è stata “benedetta” anche dal leader regionale Iannuzzi, che ha evidenziato “la necessità di un modello di unità”.

Le operazioni di voto sono iniziate poco dopo le 21 e 50 e, prima, a sostenere la necessità di una convergenza di tutti i delegati su Iodice sono stati soprattutto il dirigente Ubaldo Greco e l’ex parlamentare Lorenzo Diana. Il presidente dell’Ept non ha fatto passare in silenzio gli attacchi: “Non è un caso che da quest’assemblea esca una candidatura a maggioranza della qual cosa devo ringraziare De Franciscis. Non possiamo accettare – ha aggiunto Iodice, replicando a Ceceri – che il livello romano possa indicare chi debba essere il segretario”. Nel corso dell’assemblea non sono mancati momenti di tensione: tra questi l’intervento di Stellato, che ha chiesto di sospendere le operazioni di voto. Un nodo che è stato immediatamente sciolto dal responsabile provinciale dell’organizzazione, Pino Bicchielli che ha seccamente respinto l’invito: “È inaccettabile e provocatorio chiedere l’interruzione delle operazioni di voto”. Queste ultime sono regolarmente continuate e l’eccezione di nullità ritirata, o meglio, chiarita da Stellato. Molto critico anche l’ex vice presidente della Provincia, Adolfo Villani che alla fine ha deciso di partecipare all’assemblea e di sostenere Iodice.

da “Il Mattino”, sabato 19.07.08 (di Lia Peluso)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico