Carinaro

Sicurezza sul lavoro: intesa Indesit, Inail e Federico II

Indesit CompanyCARINARO. Sono stati presentati oggi i risultati finali del progetto EIP (Ergonomics Implementation Process) nato due anni fa dalla collaborazione tra Indesit Company, Inail direzione regionale Campania e Università Federico II per creare nuove soluzioni ergonomiche per il miglioramento delle postazioni di lavoro nello stabilimento Indesit di Teverola e Carinaro (Caserta).

All’incontro, tenutosi presso il polo formativo Inail di Villa Bandini, sono intervenuti Luigi Matarese, Direttore regionale Inail, Vincenzo Guadagnuolo, direttore del distretto industriale Indesit a Carinaro e Teverola, e la professoressa Gabriella Caterina, direttore del dipartimento Dicata (Laboratorio Leas) dell’Università Federico II di Napoli. Lo studio, partito nel 2006, ha riguardato il polo produttivo Indesit di Carinaro e Teverola su 4 linee produttive, 10 postazioni per un totale di 50 lavoratori, e ha portato all’azzeramento degli infortuni e dei ricorsi a interventi infermieristici specifici della mansione, al miglioramento del comfort visivo degli addetti con una conseguente riduzione del 60% dei difetti estetici del prodotto in uscita. Il progetto ha dato il via a soluzioni concrete per l’ottimizzazione dei processi produttivi nell’ottica del miglioramento della qualità della vita lavorativa e della soddisfazione da parte del cliente finale. In più ha definito criteri e procedure che hanno consentito di ampliarne il quadro applicativo diventando un modello applicabile ad altre tipologie di aziende, un patrimonio di cui i partner del progetto potranno disporre per altri contesti aziendali. I risultati della ricerca sono stati riportati in un Manuale di raccomandazioni ergonomiche, di prossima pubblicazione, che illustra i requisiti ergonomici delle postazioni e delle attrezzature impiegate nel settore metalmeccanico, e nel software “Era” (Ergonomics risk assessment) per la valutazione dei rischi delle postazioni di lavoro. Il progetto sarà presentato come valido esempio di collaborazione tra imprese, università e istituzioni per il miglioramento della salute e della sicurezza sui luoghi di lavoro, nell’ambito della quinta conferenza nazionale sulla sicurezza del lavoro che si terrà a ottobre a Modena.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico