Campania

Vico Jazz Festival, rinviato concerto di Mario Biondi

Mario Bondi VICO EQUENSE (Napoli). Rinviato a domenica 27 luglio, alle ore 21.30, il concerto di Mario Bondi in programma inizialmente per domenica 20 luglio al Vico Jazz Festival.

Giunto alla sua ottava edizione, il festival rappresenta un appuntamento consolidato per gli amanti di questo genere musicale. Ad aprire la rassegna, giovedì 17, è stato Pasquale De Rosa, cui è seguito il concerto del quartetto formato da Pietro Tonolo al sassofono, Flavio Boltro alla tromba, Emanuel Bex all’organo e Joe Chambers alla batteria. Un gruppo che ha visto presenti nomi italiani quali Tonolo e Boltro, musicisti di punta nel panorama jazzistico italiano che possono vantare importanti collaborazioni. Joe Chambers, batterista, percussionista e pianista, è uno dei musicisti principali di quello che può essere considerato uno dei periodi più espressivi della storia del Jazz. Nel corso delle sue numerose collaborazioni, ha infatti contribuito in maniera decisiva alla definizione della parte più creativa e di ricerca di quel sound degli anni sessanta che è entrato a far parte della storia del Jazz come uno dei suoi momenti più preziosi.

Il 18 luglio è stata la volta del chitarrista Peter Bernstein, accompagnato da Doug Weiss al contrabbasso e Bill Stewart alla batteria. Classe, gusto, creatività, competenza, senso della tradizione jazzistica con la capacità di farla rivivere attraverso la propria musica in modo fresco e originale, tutto questo è solo una parte delle affinità elettive che Peter Bernstein condivide con Doug Weiss e Bill Stewart, come lui ormai due giovani veterani, visto l’insieme delle esperienze che da diversi anni attraversano in virtù del loro talento. Weiss ha collaborato tra gli altri con Al Foster, Fred Hersch, Luciana Souza e Kevin Hays, mentre Stewart, già accanto a John Scofield, Pat Metheny, Larry Goldings e Michael Brecker, va considerato un nuovo giovane caposcuola della batteria jazz, per l’originalità e il rigore con cui da molti anni porta avanti la propria ricerca, riuscendo a pervenire a risultati eccellenti in modo pienamente compiuto e consistente.

Il 19 luglio è salita sul palco la brava cantante Alice Ricciardi come ospite dell’Orchestra Napoletana del Jazz.

A chiudere la rassegna sarà il concerto di Mario Biondi, rinviato, come dicevamo a domenica 27 luglio, nel Chiostro della SS. Trinità, Viale della Rimembranza. Biondi è sicuramente l’esponente più famoso del nu-jazz italiano. Il cantante siciliano ha navigato tra generi musicali diversi e si è imbarcato in avventure differenti. La sua assoluta naturalezza espositiva e la sua voce,l’hanno consacrato nel gotha del soul, antesignano del modern sound che mutua dal jazz, lo scompone e lo ricompone in archetipi black particolarmente accattivanti.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico