Villa Literno

Fabozzi: “Sempre pronti ad ascoltare i cittadini”

Enrico Fabozzi VILLA LITERNO. Dopo l’incontro con le associazioni per raccogliere “idee e proposte per il buon governo”, da portare in Consiglio Comunale, è stato lo stesso sindaco Enrico Fabozzi a prendere la parola.

Il primo cittadino ha subito sottolineato il salto di qualità di questa seconda fase del suo sindacato: “Prima di fissare questa iniziativa mi sono chiesto quale potesse essere la differenza fra il primo e il secondo mandato; ho capito che dovevamo ascoltare di più i cittadini”. “In sostanza – ha spiegato – l’iniziativa pubblica nasce dalla constatazione che, avendo alle spalle 5 anni in cui si è fatto molto, era difficile trovare nuovi obiettivi: pensiamo che Villa Literno debba riorganizzarsi in tutte le sue strutture per dare risposte nuove e di qualità”.

Analizzando poi gli interventi degli amministratori, il primo cittadino ha sottolineato positivamente anche la crescita nel livello qualitativo: “Sono passati 5 anni ed anche io mi sento più vecchio, eppure questa amministrazione mi sembra più moderna rispetto a quella precedente, più pronta ad affrontare le esigenze di questo nostro paese”.

Entrando nel merito, Fabozzi ha ricordato l’intervento dell’assessore alla Salute e alle Pari Opportunità evidenziando come lo sportello di ascolto sulla salute rappresenti un modo concreto per rasserenare i cittadini. Significativo poi l’intervento sulla Sicurezza di Antonio Tessitore, nel giorno in cui si è compiuto un altro omicidio di camorra. “Le istanze che sono venute questa sera dalle associazioni sono di livello estremamente elevato – ha dichiarato il sindaco – cercheremo di raccogliere tutte le proposte e ‘fare rete’ fra cittadini, associazioni, amministrazione: solo se voi giovani collaborerete io posso fare bene il mio mestiere di Sindaco, un mestiere che io vorrei impostare in modo diverso, come una attività di promozione del nostro territorio a livello nazionale”.

Sui rifiuti: d’accordo con diversi sindaci dell’agro aversano, proposta la creazione di un Polo Ambientale dove sorge il sito di ecoballe, per smaltirle in modo sicuro recuperando energie e contemporaneamente installare una grande isola ecologica. “Un filiera che, da un lato, ci risolve un problema e, dall’altro, trasforma questo problema in opportunità di sviluppo”. “Il vero luogo malsano – ha ricordato Fabozzi – è in località Tre Ponti, dove ci sono le discariche abusive messe lì dagli anni ‘80. A Settembre arriveremo a formulare una proposta concreta che, comunque, non abbiate paura, passerà attraverso i cittadini di Villa Literno. Sarete voi a decidere se va bene o no”.

Sul rapporto con i cittadini, l’amministrazione si impegna ad istituzionalizzare il question time, opportunamente regolamentato in accordo con le parti sociali. In conclusione, il sindaco si è detto molto ottimista sul futuro di queste terre: “La Campania era Felix… e Felix deve ritornare”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico