Trentola Ducenta

Premio Eduardo 2008 – le poesie

PREMIO SPECIALE GIOVANI

P. Pasquale Simone ed Angela Mare consegnano il Premio Giovani a Rosaria Lucci Silenzio

Esplorai quel mondo assurdo,
assaporai quel vento sordo.
Ora ombra, ora oggetto, ora sagoma,
or diletto, ora tempo, ora carezza, ora amore, or amarezza;
Non sprecava parole, non ne sentivo il rumore;
non cercava la luce, ma un pensiero fugace.
Era chiasso e mormorio, Era tutto, sono io.

Rosaria Lucci – Giugliano (Napoli)

Motivazione della giuria Liricamente sintetica si precisa ogni trasfigurazione di sentimento in immagini sicchè, partendo dai sensi avvertitamene esercitati, si giunge alla presa di coscienza: le ragioni della ragione chiariscono il senso dell’autoidentificazione.

‘E ccose ‘e ll’atu munno
L'Assessore alla Cultura Raffaele Di Lauro consegna  la Menzione Speciale della giuria a Luigi Coscione Nisciuno hâ maje saputo
a chill’atu munno
ca nce sta’
e chilli ca nce so’ ghiute
nun so’ maje venute
pe’ c’ ô raccuntà;
intanto i’ provo a ‘mmaggenà
tutto chello ca nce po’ sta’:
è una grande immensità
di un’enorme semplicità.
E ‘o core, sa’ ca mme dice?
Ca addò vaje vaje nce truove pace!
E ggià te veco
ncopp’’a ‘na nuvola
ammirà’ ‘e ccose nove,
te ne può gghì a cuccà
cu ‘na vranca ‘e stelle
e te può scetà
abbracciato ‘a luna.
Può pazzià cu tutt’’e Sante,
può parlà cu ‘o Pataterno
sarà sempe vita eterna
e cchisto munno, t’ ô può scurdà!

Luigi Coscione – Lusciano (Caserta)

Motivazione della giuria Merita una particolare menzione il poeta Luigi Coscione di cui si apprezzano la fedeltà al sentimento e quella semplicità ch’è dono naturale, armonicamente valida a rendere in immagini il sogno fantastico che colora la vita di speranza.

SEZIONE IN LINGUA

1a classificata

1° classificato sez. lingua. Il prof. Angelo Calabrese e il presidente di Altavoce  prof. Francesco Migliore consegnano il premio a Francesco Rotunno L’uomo e il fiume

II fiume scorre lento verso il mare,

i pensieri come i sassi

perennemente annegati,

si lasciano modellare come teschi levigati;

le fario boccheggiano controcorrente, immobili e

ignare delle insidiose lenze;

danzano le erbe acquatiche,

sembrano tante ballerine

di nuoto sincronizzato, al ritmo,

di una musica non udibile.

Si infrangono ora di qua ora di la

vorticosi flutti di limpide acque

su argini molli;

il merlo acquatico si tuffa e battendo le ali come pinne,

nuota in apnea voltando piccoli sassi in cerca di pastura;

l’uomo guarda il fiume che scorre, e rapito,

si lascia conquistare dal sogno;

l’uomo e il fiume,

come la vita che scorre,

annegando i pensieri e rompendo gli argini per cambiarne il corso.
Francesco Rotunno – Carinola (Caserta)
Motivazione della giuria L’autore avvezzo ai silenzi meditativi e contemplativi riflette sull’avventura del fiume che scorre, leviga, rende visibili gli effetti del tempo. Alla monotonia di un percorso obbligato c’è sempre l’imprevedibile risposta: basta rompere gli argini e muta il corso degli eventi. Gli eventi, insomma non sono né predestinati, né scontati.
2a classificata

2ª classificata sez. lingua. La prof.ssa Clelia Verde e la dott.ssa Enrica Cristiano consegnano il premio a Mariella Larenza Le donne come me

Le donne come me, restano da sole.
Gli altri… amori o amici, cui si è affidato il cuore,
senza un perché, magari senza volerlo, se ne vanno per la loro strada.
Le donne come me, sanno fare tante cose o forse nulla:
amare tanto ma amarsi poco; commuoversi per la bellezza di un fiore,
cantare finché musica ed emozioni diventano una cosa sola.
Le donne come me, raccolgono i cocci di un vaso rotto,
lo aggiustano con pazienza, rischiando anche di ferirsi;
arrivano silenziosamente ed in punta di piedi sanno allontanarsi,
soffrendo per lasciare spazio, piangendo per ridare sorrisi.
Le donne come me, sorridono anche con un cumulo di pensieri
aggrovigliati nel cuore. Si arrabbiano, urlano,
non si rassegnano quando le sfiori con il fiore dell’ingiustizia.
Le donne come me, comunicano attraverso le mani
ciò che si agita tra i pensieri e l’anima:
creano, costruiscono, dipingono, scrivono
in un linguaggio incomprensibile anche a loro.
Le donne come me, regalano sogni, anche a costo di rimanerne prive;
tendono la mano ed aiutano a rialzarsi, pur correndo il rischio
di cadere a loro volta: guardano avanti,
anche se il cuore rimane sempre qualche passo indietro.
Le donne come me, cercano un senso all’esistere e,
quando lo trovano, tentano d’insegnarlo
a chi sta solo sopravvivendo.

Mariella Larenza – Caserta

Motivazione della giuria L’autrice con uno scritto vivace ed equilibrato, prende coscienza della realtà scoprendo un mondo femminile affascinante, dove, come cita Sant’Agostino: «la misura dell’amore è amare senza misura».
3° classificato sez. lingua. Il presidente della Pro Loco Renato Del Vecchio consegna il premio a Salvatore Palladino 3a classificata

Soldato o testimone?

Appare arduo
assaltare la trincea della fede,
assediare le mura del divino,
quando mammona ammalia.
La conferma del Telesino,
le ricercate vie del Bove,
gli esercizi dell’ispanico capitano,
indirizzano, non catturano la mente.
Come fango che s’appantana,
terso dall’acqua fatua del tempo,
sgorgata da un moto solo terreno,
da un’idea nata nell’interesse.
Considero allora i folli della carità,
mi incammino per le loro vie,
superiori all’umana idea e
ad ogni assioma di pensiero.
L’ilarità di Pippo, giullare dell’oratorio,
la tolleranza virtuosa di un assisiate,
il sollievo umiliato di Teresa d’India
appaiono fonte perenne che ristora il cuore dubbioso.
Per queste vie, mi rassicuro:
strumento che vive l’altrui esempio
senza il quale, la vita
equivarrebbe a morte.
Salvatore Palladino – S. Maria Capua Vetere (Caserta)

Motivazione della giuria La vita è regola e desiderio. Alle attrattive del mondo si potrebbe cedere e perdersi nei giorni di tutti. Solo i saldi ed esemplari riferimenti riportano sui sentieri della luce e ogni viandante, sempre e comunque mendicante, trova in quelli la via maestra per l’incontro che non delude.
SEZIONE IN VERNACOLO

1ª classificata sez. vernacolo. Il prof. Angelo Calabrese consegna il premio alla leccese Maria Francesca Mucciato delegata di Leda Briganti Tommasi 1a classificata

Arba d’amore

Nfacciatu sulle nùle lu sulese gote l’aria de primavera,

l’anema scarfa de tennere palore

a ‘li fiuri e a ‘le cose dae culure.

‘Mienzu la pace de lu Campusantu

se ncrucianu li riti de l’aceddhi:

se scangianu li baggi de l’amore,

unu all’autru stritti, core a core.

E, tra li muerti, ‘nterra precati,

tra sebburchi e arveri chiantati,

prea, subbra na cruce, n’ecchiarieddhu,

cu le lacreme all’ecchi a n’angulieddhu.

Parla, suspira e chiange.

Dice palore ca sapenu d’amore

comu se face cu na persona ìa

e, cussì, stae finu a menzatìa.

Ncarizza, tremulandu, la terra,

‘mudhata de recuerdi luntani; mpoggia, de fiuri frischi na chiantina e, sutta uce, dice: – A cra’ matina!

Leda Briganti Tommasi – Lecce

Motivazione della giuria E’ lirica ed intensa la pacata accettazione della regola che esige la vita nel transito dalla forma all’orma. Diventa parola dolcissima, d’amore immortale, atto di fede che tiene vivi i ricordi e rinnova in corrispondenza misteriosa l’appuntamento: domani sarà un altro giorno di dialogo mai interrotto.
2ª classificata sez. vernacolo. Il presidente della Pro Loco Renato Del Vecchio consegna il premio alla leccese Marcella Montagna 2a classificata

Omaggiu allu dialettu

Suntu nna mescia de scola ‘lementare
e ‘su cuntenta, percè sta prufessione
me dae lu modu cu mparu alli piccinni
cu parlanu de carbu e cu espressione.
Nci tegnu mutu cu saccianu lu senzu
de ccenca leggenu subbra libbri e giurnali,
ma hanu sapire puru beddhi spierti
li numeri sia dispari ca pari.
Ma quistu nu’ me basta e mo’ bbu dicu
percè sta fazzu a bbui sta cunfidenza,
ete l’amore miu pe lu dialettu
puru ca ‘ntru ‘lla scola nu’ se penza!

Lu dialettu, cari amici mei
è patrimoniu de lingua e de cultura
e nui besogna propriu llu curamu
se nu’ mb’ulimu cu ddenta…n’acchiatura!
Li strei de moi nu’ capiscenu nienti
de ‘sta lingua gentile e de dilettu,
ma ieu, cu’ la storia e l’italianu
nci mintu puru nnu picca… de dialettu.

Marcella Montagna – Lecce

Motivazione della giuria Essenziale, profonda, attuale, la lirica mira alla riconquista di ciò che il passato regala al presente, tesoro prezioso di chi è investito a determinare il futuro.
3° classificato sez. vernacolo. La prof.ssa Clelia Verde, Angela Mare e Rosita Cecere consegnano il premio al delegato di Vincenzo Cerasuolo 3a classificata

Ll’angiulillo
Quanno nasce ‘nu criaturo
è assaje festa ‘mparaviso,
pecché ‘n’angelo ‘a ‘int’ ‘o scuro
tene mente ‘o pizzo a rriso.
Cchiù d’ ‘a mamma lle vò bene
St’angiulillo sciso ‘a cielo:
ll’accarezza… s’ ‘o mantene…
e ‘o prutegge cu ‘nu velo.
Quanno vide ca durmenno
‘o criaturo fa ‘a resella…
ll’angiulillo ‘o sta pazzianno
cu la luna e cu ‘na stella.
… E si cade da ‘o siggione…

se ll’acchiappa ‘int’ ‘e ddenocchie:

lle riala ‘o bombolone…

e ‘na lacrema ‘int’a ll’uocchie.

Comm’è ddoce ‘stu mussillo

ca lle sponta chianu chiano…

ma ‘nu vaso a pezzechillo…

votta ‘o chianto cchiù luntano.

Zompa e rride alleramente

ll’angiulillo ‘a dint’ ‘o scuro,

pecchè ‘st’anema ‘nnucente…

è pur’isso ‘nu criaturo.
Vincenzo Cerasuolo – Marigliano (Napoli)

Motivazione della giuria La grande poesia ha sempre inventato e ribadito la biunivoca corrispondenza tra l’innocenza di un bambino e quella del suo angelo custode. L’angioletto che si rallegra per tutte le gioie del bambino e lo consola nei momenti difficili, appare al poeta come un eterno bambino: resterà tale per sempre.
PREMIO SPECIALE – MEDAGLIA D’ORO
Premio speciale Medaglia d'oro. La dott.ssa Vanna Della Volpe e il presidente di Altavoce prof. Francesco Migliore consegnano il premio a Raffaele Galiero Chi sà

Chi sa’ che penza ‘o viento quanno passa,

e aiza a ‘e fronne a terra a ùna a ùna.

Forze ‘e cunzola, forze l’arrepassa

o forze ‘e mmesca pe cagnà fortuna?

Chi sa’ che penza ‘o sole quanno scarfa,

nu sciore pastenato int’’a na testa.

Forze s’’o vasa, forze l’accarezza,

forze le còse nu vestito ‘a festa?

Chi sa’ che penza l’acqua, quanno scenne,

chi sa’ doppo ca è scesa che vò fa’.

Forze se vò cuccà, stracqua ‘e fatica,

forze se vò surtanto arrepusa’?

Chi sa’ che penza ‘a luna quanno sponta,

cu ‘a faccia tonna, appena ‘a notte vene.

Forze s’appiccia pe dà na speranza,

a chi nun crede cchiù ca esiste ‘o bbene?

Chi sa’ a che sto’ penzanno, quanno penzo.

Chi sa’ si stu penzièro ovèro è ‘o mio,

osi m’’o sto sunnanno sulamente,

e songo , ‘mmèce, nu penziero ‘e DDio.

Raffaele Galiero – Casalnuovo (Napoli)
Motivazione della giuria Nell’equilibrio perfetto tra sentimento ed immaginario la lirica rivela alta qualità poetica, misura culturale e solennità d’arte senza tempo. Le finestre simultanee degli interrogativi, che si aprono sull’orizzonte del Logos, danno senso al grumo di pensiero che nell’umana carne intende il senso dell’immagine e somiglianza.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico