Parete

Verrengia: “Risvegliamoci e aiutiamo il nostro territorio”

Luigi VerrengiaPARETE (Caserta). Quello del sindaco, durante la commemorazione del 2 giugno, è stato un discorso tutto improntato sui vari problemi che attanagliano l’agro aversano, oltre ad un’esortazione a non abbassare la guardia in questo momento di tensione.

L’emergenza rifiuti, prima, e la camorra, dopo, stanno letteralmente mettendo in ginocchio il territorio. Gli atti criminali succedutosi in questi ultimi giorni, hanno dato lo spunto al sindaco Luigi Verrengia di chiedere un sostegno forte da parte dello Stato. Ha voluto vicino a lui, durante il discorso, il maresciallo della compagnia dei Carabinieri di Parete e il parroco. “Bisogna risvegliare le coscienze di tutti noi – ha esordito il primo cittadino – per permettere che i nostri territori non diventino distese di deserto, dove nessuno potrà mai vedere le sue bellezze. Non sarà una sconfitta del sindaco ma di tutta la collettività. Gli ultimi atti criminali sanno di sfida. Lo Stato deve fare la sua parte, ha il dovere di intervenire per consentire a questi territori di rimettersi in marcia, abbandonando lo stato di degrado e sottosviluppo in cui versa. Non possiamo continuare a dire ai nostri figli di andare via da qui! Questa è la nostra terra, è la terra delle future generazioni e dobbiamo fare in modo di consegnargli un territorio diverso da quello che abbiamo in questo momento. È un dovere mio come istituzione, è un dovere di tutti i cittadini messi insieme affinché si riesca a vincere questa battaglia. Io sto facendo distribuire – conclude – degli stampati della costituzione italiana accompagnati da una mia lettera a tutti i giovani che hanno raggiunto la maggiore età affinchè essi comprendano l’importanza della nostra costituzione. Attraverso la carta costituente bisogna recuperare tutti i valori persi nei confronti della nostra Repubblica. Con il massimo impegno da parte dello Stato essa può essere salvata, ridandogli la dignità e la serenità di un tempo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico