Italia

Thyssen Krupp, firmato accordo con familiari delle vittime

le vittime dell'incendio alla Thissen KruppTORINO. Si è concluso l’accordo tra la Thyssen Krupp e i familiari dei sette operai che persero la vita nell’incendio dello scorso 6 dicembre.

Il risarcimento, proposto dai legali dell’azienda tedesca, ammonta a circa due milioni di euro per famiglia a patto che non si costituiscano parte civile nel processo. L’incontro è stato fissato per stamattina poiché domani ci sarà l’udienza preliminare contro l’amministratore delegato Harald Espenhahn ed altri 5 dirigenti della multinazionale che dovranno rispondere alle accuse di omicidio colposo aggravato dalla previsione dell’evento e l’omissione dolosa e aggravata di cautele antinfortunistiche. Commozione per i parenti degli operai: “Non si tratta di soldi – ha dichiarato la signora Isa, mamma dell’operaio Roberto Scolaperché niente e nessuno potrà ridarmi mio figlio. Molti di noi non erano d’accordo, e se hanno accettato è stato solo pensando al futuro dei loro bambini”. Il rovescio della medaglia, invece, a Spoleto dove circa due anni fa morirono quattro operai in un oleificio e, oggi, la stessa azienda chiede un risarcimento danni, pari a 35 milioni di euro all’unico superstite e ai familiari delle quattro vittima. L’amministratore delegato della società fu indagato il giorno dopo la strage ma lo stesso si difende sostenendo che la colpa dell’incidente fu solo degli operai che dovevano sapere di non poter usare il saldatore a fiamma ossidrica per quel tipo di operazione. L’udienza è disposta per il prossimo 11 luglio, intanto è tanta la rabbia di coloro che hanno perso i loro cari nell’incidente alla Umbra Oli e l’unico sopravvissuto Klaudio Demiri ha dichiarato: “Se la giustizia consente questo, cos’altro può succedere?”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico