Italia

L’inceneritore di Brescia inquina: lo si cede a Napoli

Inceneritore di BresciaNAPOLI. Una notizia che ha dell’incredibile. La città di Brescia avrebbe proposto di vendere il proprio inceneritore di rifiuti alla Campania per costruirne uno nuovo e più moderno rispetto a quello esistente che, si dice, starebbe inquinando la Lombardia.

A renderlo noto, in un lancio dell’agenzia Ansa, Ennio Italico Noviello, primo ricercatore del Cnr di Roma. “L’ho saputo proprio stamattina. – ha spiegato Noviello durante un incontro a Napoli sul tema delle nuove tecnologie per lo smaltimento rifiuti – La proposta era di cedere l’impianto per 25 milioni di euro, cioè meno di quanto serve per completare quello di Acerra”. Secondo Noviello, l’impianto di Brescia starebbe “inquinando l’intera Lombardia”, tanto che solo nella stessa città lombarda non ci sarebbe “un solo allevamento di bovini che sia senza diossina”. E sul fatto che l’inceneritore di Brescia sia considerato il migliore del mondo, il ricercatore puntualizza: “Quell’impianto ha vinto un premio, certo. Ma nel comitato scientifico di chi gli ha dato il premio c’è una delle aziende che ha fatto l’impianto. Brescia è il punto più inquinato del mondo, basta guardare il satellite”. “E’ incredibile – ha continuato Noviello – che qualcuno proponga quell’inceneritore come modello. A Brescia i disastri ambientali sono stati documentati, dimostrati e accertati sotto tutti i punti di vista. Perfino la commissione Europea è intervenuta”.

Un no secco, dunque, all’ipotesi di risolvere l’emergenza rifiuti con i termovalorizzatori. “L’incenerimento – spiega Noviello – trasforma i rifiuti da solidi in aeroformi, ma restano tossici e nocivi E, infatti, in Giappone, uno dei primi paesi a utilizzare questa tecnologia, stanno rapidamente facendo marcia indietro, mentre in paesi come la Francia si sono costruiti un centinaio di piccoli impianti per evitare di sovraccaricare una sola zona”. Il ricercatore del Cnr propone, in sostituzione dell’inceneritore, “la dissociazione molecolare, in grado arrivare quasi ad emissioni zero”. O “la tecnologia al plasma, capace di rendere i rifiuti materiale totalmente inerte”. “Purtroppo, però, – conclude Noviello – tutto questo non incontra il favore delle istituzioni”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico