Esteri

Gb, Brown sulla linea di Bush: “Inasprire sanzioni all’Iran”

incontro Bush-BrownLONDRA. Nella sua ultima visita in Europa da presidente degli Usa, George W. Bush ha oggi incontrato a Londra il premier britannico Gordon Brown.

Il capo della Casa Bianca ha ottenuto da parte del ministro inglese un forte appoggio per adottare sanzioni molto più severe contro Teheran allo scopo di bloccare l’attuale programma nucleare degli ayatollah. “Legittimo il nucleare civile in Iran”, sono state queste le parole pronunciate stamattina dal Presidente americano durante la conferenza stampa ribadendo che l’Occidente teme che questo programma possa nascondere fini militari. “Faremo tutto il possibile per mantenere il dialogo, ma se l’Iran continuerà ad ignorare le risoluzioni e le nostre offerte di partnership non abbiamo altra scelta che inasprire le sanzioni”, a dichiararlo il premier britannico Brown dopo l’incontro congiunto con il presidente Bush. “Quindi oggi la Gran Bretagna chiederà all’Europa e l’Europa acconsentirà ad istituire sanzioni più severe contro l’Iran. Innanzitutto prenderemo provvedimenti per congelare beni e fondi all’estero della maggiore banca iraniana, la banca Melli, e in secondo luogo lavoreremo ad una nuova tornata di sanzioni incentrate su gas e petrolio” ha continuato Brown sottolineando il rifiuto di Teheran di interrompere l’arricchimento dell’uranio e la respinta di un pacchetto di incentivi economici e politici studiati da sei Paesi. Anche il premier italiano Berlusconi, il presidente francese Sarkozy e il canceIliere tedesco Merkel hanno dato il loro appoggio al presidente Bush per cercare di impedire che l’Iran ottenga armi nucleari. Inoltre, il premier Brown, durante la conferenza, ha annunciato l’invio in Afghanistan di 230 militari che andranno ad aggiungersi ai già presenti

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico