Caserta

Rifiuti, l’Esercito ha finora raccolto più di 20mila tonnellate

Un ruspa dell'Esercito raccoglie i rifiutiCASERTA. “Non è compito dell’esercito, se non in via irripetibile ed eccezionale, quello di sostituirsi alla nettezza urbana. Non è il mestiere dei militari rimuovere l’immondizia, ma sono adusi a dire ‘obbedisco’ dove è necessario e stanno dando il loro contributo per l’emergenza rifiuti in Campania, anche se non verranno impiegati per l’ordine pubblico”.

È quanto ha più volte ribadito il Ministro della Difesa, Ignazio La Russa, sulla questione dei rifiuti. In questo contesto “i militari stanno facendo e continueranno a fare il loro dovere”, ed è quello che stanno facendo sin dal 10 gennaio scorso quando sono comparsi per la prima volta sulle strade della provincia casertana. Dallo scorso 10 gennaio gli uomini e le donne del Genio militare dell’Esercito hanno rimosso dalle strade della Campania 20.687 tonnellate di rifiuti, talvolta stoccando le balle anche in aree militari come punti di transito. L’intervento ha riguardato i centri abitati ed in particolare le aree limitrofe a edifici “sensibili”, come scuole, ospedali, strutture pubbliche. Una volta a San Giorgio a Cremano salvarono un’anziana donna, il cui ingresso era stato completamente invaso dai sacchetti, per cui la donna non poteva uscire di casa e i vicini non potevano farle avere generi di prima necessità. L’operazione è stata attuata attraverso una task force di 10 compagnie basata su personale di tutti i Reggimenti Genio della Forza Armata composta da circa 300 uomini e donne e che impiega quotidianamente 167 mezzi, dei quali la maggior parte veicoli speciali. Due le basi principali, la caserma “Amico” di stanza a Caserta, in via Ruggiero, dove sono dislocati circa 90 militari, e quella di Capua, presso la Caserma “Oreste Salomone, sede del R.U.A., dove è dislocata una forza di 210 militari. Inoltre è utilizzata saltuariamente la caserma “Marselli” di Napoli. Sinora sono state diverse la amministrazioni cittadine, fra cui ricordiamo quella di Grazzanise, che hanno concesso la cittadinanza onoraria ai reparti che operavano in quel momento Un grazie va ai genieri della Task Force del 6° Reggimento Genio Pionieri di Roma, comandato dal Colonnello Eugenio Martis, del 10° Reggimento Guastatori di stanza a Cremona; dell’11° reggimento guastatori di Foggia, del 2° Reggimento Genio Guastatori di Trento; dell’8^ Reggimento Guastatori Paracadutisti “Folgore” di stanza a Legnago; del 3° Reggimento Guastatori Alpini di Udine; del 2° Reggimento Genio Pontieri di Piacenza; del Reggimento Genio Ferrovieri di Castel Maggiore in provincia di Bologna; del 32° Reggimento Guastatori Alpini di Torino, del 4° reggimento guastatori di Palermo, del 5° reggimento Guastatori di Macomer, ed ai militari della Sanità militare che provvedono alla disinfestazione delle città sommerse dalla immondizia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico