Casaluce

Infermiere ucciso dalla moglie per gelosia

Giuseppe Palomba - Anna PisciattaroCASALUCE. Aveva un’amante e voleva vendere l’appartamento. Così la moglie lo ha ucciso a colpi di pistola.

E’ successo a Casaluce, nel casertano. Giuseppe Palomba, 49 anni, è stato ritrovato senza vita all’interno della sua il carro funebre che trasporta il corpo della vittimaabitazione, al terzo piano, interno 45, fabbricato A, del Parco Statuto, in via Marconi. Sul posto sono giunti i carabinieri del reparto territoriale di Aversa, guidati dal maggiore Francesco Marra, supportati dai colleghi della locale stazione di Teverola, agli ordini del maresciallo Scherillo. Secondo le prime ricostruzioni, la vittima, che lavorava come infermiereal reparto di psichiatria dell’Asl di Aversa,era rientrata ieri sera tardi ed ha avuto una lite con la moglieAnna Pisciattaro, di 45 anni. Palomba si è poi addormentato. La moglie, che era invece rimasta sveglia, ha preso la pistola e ha ucciso il marito, esplodendogli, mentre dormiva, tre colpi alle spalle. In casa sembra ci fossero anche i due figli, Arturo e Rossella, di 19 e 20 anni. Ad allertare le forze dell’ordine sono stati i vicini, dopo aver udito gli spari. Nel mentre, la Pisciattaro siè andata a costituire dai carabinieri, che l’hanno interrogata ed ha confessato l’omicidio. La direzione delle indagini è stata affidata alla pm Patrizia Dongiacomo della Procura di Santa Maria Capua Vetere. La Pisciattaro è stata condotta al carcere di Santa Maria Capua Vetere, è accusata di omicidio volontario.

l'appartamento al terzo piano del Parco StatutoI due coniugi, entrambi originari di Aversa ma residenti da qualche tempo a Casaluce, sembra che spesso fossero protagonisti di litigi all’interno delle mura domestiche. Lui aveva una relazione extraconiugale con un’altra donna, sembra italiana, e pare avesse intenzione di vendere l’appartamento dove viveva con la famiglia. Forse questo il motivo che ha portato la donna al folle gesto. Sono in corso accertamenti per verificare la provenienza dell’arma del delitto, anche separe chela pistolafosse detenuta in casa da Palomba, ma senza regolare autorizzazione.Nell’abitazione i carabinieri del reparto scientifica, dopo avereffettuato i rilievi, hanno portato via alcuni reperti, tra i quali delle lenzuola.Sequestrata anche l’auto di Palomba, una Renault Scenic di colore grigio. Il corpo dell’uomo è stato portato su un carro funebre presso l’istituto di medicina legale per l’autopsia.Erano presenti sul posto anche parenti dei coniugi,che, secondo alcune testimonianze, sembra non avessero da qualche tempo più rapporti stretti coni due. Nonostante l’episodio testimoni che i carabinieri all'entrata del Parco Statutola crisi della coppia fosse ormai giunta all’estremo, i vicinili ricordanoPalomba e Pisciottaro come due persone riservate e che, almeno all’apparenza, andavano d’accordo,tanto chenegli ultimi giorni erano stati visti insieme uscire con lo scooter o andareafarespese.

Una tragedia che riporta alla mente quanto accaduto a Gricignano, altra cittadina dell’agro aversano distante pochi chilometri da Casaluce,dove lo scorso 21 febbraio un uomo, Angelo Di Ronza, uccise a colpi di pistola la moglie Maria Rosa Nugnes fuori la scuola elementare, mentre questa scendeva dall’auto per andare a prendere il figlio all’uscita. Anche in quel caso il movente fu la gelosia: i due si stavano separando e lei aveva un’altra relazione ed era intenzionata a vendere l’appartamento dove abitavano. Di Ronza fu arrestato dopo poche ore.

Omicidio Palomba (12.06.08)– video

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico