Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Annozero tra rifiuti e camorra

I fratelli Sergio e Michele OrsiUna puntata che facilmente può definirsi riassuntiva quella del 5 giugno di AnnoZero, condotta da Michele Santoro e che vede la partecipazione attiva del giornalista Marco Travaglio.

Domenico Bidognetti

Due gli argomenti principe: la discarica di Chiaiano e l’omicidio di Michele Orsi. Collegati in maniera simbiotica, i due scottanti temi di attualità sono stati snocciolati abilmente dagli ospiti presenti in studio (tra i quali Chicco Testa, ex numero uno dell’Enel, e il direttore de ‘Il Mattino’ Mario Orfeo) in una ricostruzione altalenante di passato e presente di ‘Monnezzopoli’. Che il connubio politica-camorra sia sempre stato il più gettonato, lo sappiamo tutti. Ma sentirlo dire in video resta sempre qualcosa d’incredibile. Come incredibili (ma nemmeno tanto) le affermazioni del sopravvissuto Sergio Orsi, fratello e socio in affari di Michele, trucidato con 18 colpi di mitraglietta lo scorso 1 giugno fuori ad un bar di Casal di Principe.

Sergio Orsi 1

L’accordo, vero o presunto, con la politica locale per l’ottenimento di permessi (pensiamo ad esempio al certificato antimafia indispensabile per poter operare) in cambio di assunzioni nel Consorzio a partecipazione mista Eco 4. Qui Sergio Orsi fa i nomi dei parlamentari Landolfi e Cosentino ed anche del Cardinale Sepe, non dimenticando di menzionare “amministratori di sinistra”, come destinatari di favori ed assunzioni, sembra indispensabili, per “andare avanti”. Nel periodo di massimo splendore l’Eco 4 contava più di 400 assunti, la maggior parte destinati alla differenziata, che in Campania e nella provincia di Caserta non è mai partita. Assunzioni, quindi, pro veritate, o meglio per consentire un agevole ottenimento dei contratti con i comuni consorziati.

Secondo Sergio Orsi, un fiume davanti le telecamere, qui arrivano i mondragonesi, del clan La Torre desiderosi di entrare in società con i fratelli Orsi per il 5% del totale netto delle loro azioni. Insomma la divisione sarebbe stata questa: capitale pubblico 51%, Fratelli Orsi 44%, clan La Torre 5%, questo per consentire l’ingresso all’Eco 4 presso le discariche affiliate, lecite ed illecite, sul territorio del litorale Domitio. Ma pian piano il rapporto a tre diventa troppo esoso ed i fratelli Michele e Sergio sono costretti a pagare i proventi dell’attività di raccolta dei rifiuti urbani ai due clan rivali: ai mondragonesi 15mila euro al mese, ai casalesi la stessa cifra, tanto che lo stesso Sergio ha dichiarato: “C’erano mesi in cui non si riusciva a portare a casa neanche i soldi per comprare il pane”.

Sergio Orsi 2

Ciò che appare poco chiaro continua però ad essere l’intreccio, malato ed ossessivo, tra la politica, le Istituzioni e la camorra. Troppi silenzi, troppe insabbiature, troppe cose non dette o che si ha paura di dire. L’opinione sconfortante ed allucinante resta la stessa, combattere la camorra rimane un’utopia, tanto rumore per nulla. Si fanno manifestazioni, dibattiti, cortei e poi? Nulla, tutto torna come prima, un immobilismo della ragione e dello Stato, forse troppo impegnato a considerare il pericolo “cosa nostra”, cosa delle nostre terre.

Vedova Michele Orsi

In questo quadro poco confortante si inseriscono le dichiarazioni di Domenico Bidognetti, collaboratore di giustizia e cugino del boss, in carcere, Francesco (detto Cicciotto ‘e mezzanotte) che lancia un monito preciso: “I camorristi, – dice Domenico Bidognetti – quelli non fateli entrare in casa, perché prima si prendono l’androne, poi le scale, poi la cucina, poi si prendono tutta la casa e pure le persone, comprese le vostre donne. Io lo so che per me è finita, ma sarei pronto a morire per salvaguardare i miei figli”. Una trappola accattivante nella quale in molti cadono, complici anche di piccole e grandi illegalità.

Tutti gli altrivideo su PUPIA channel

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico