Campania

Pignataro Maggiore, medaglia d’oro a Giovanni Mazzotta

appuntato Giovanni MazzottaPIGNATARO MAGGIORE (Caserta). Grande soddisfazione per la notizia, diffusasi solo in queste ultime ore, del conferimento da parte del Presidente della Repubblica della Medaglia d’oro al merito civile al compianto appuntato dei carabinieri Giovanni Mazzotta.

Il carabiniere spentosi nella città dell’Agro caleno il 28 ottobre 1989 dopo che, per tantissimi anni, era stato in servizio alla locale Stazione. Giovanni Mazzotta era residente con la famiglia a Pignataro Maggiore dal 1959 dove tuttora vivono la vedova signora Maria Galimi e il figlio dottor Franco Mazzotta, molto conosciuto per la sua professione di veterinario. La Medaglia d’oro al merito civile al carabiniere Giovanni Mazzotta è stata conferita il 15 novembre 2007 per un episodio di oltre mezzo secolo fa, quando fu ferito in un conflitto a fuoco avvenuto a Baselice, in provincia di Benevento. Un altro carabiniere, Paolo Giuri, fu ucciso. Ecco il motivo del conferimento della Medaglia d’oro al carabiniere Giovanni Mazzotta: “Militare effettivo a stazione distaccata, scortava, unitamente ad un commilitone, un ufficiale esattoriale che doveva eseguire un sequestro presso una masseria, il cui proprietario era considerato particolarmente pericoloso. Giunto in prossimità dell’edificio, con spiccato coraggio e cosciente sprezzo del pericolo, affrontava il destinatario del provvedimento che, armato di fucile, aveva esploso alcuni colpi d’arma da fuoco ferendo gravemente il commilitone. Benché anch’egli colpito, soccorreva l’altro militare esponendosi all’azione di fuoco del malvivente, che si dileguava subito dopo, consentendo l’intervento dei rinforzi ed il trasporto in ospedale del parigrado ferito. Nobile esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere. 9 maggio 1956 – Baselice (BN)”. La cerimonia per la consegna della Medaglia d’oro si è già svolta, con la partecipazione della vedova del valoroso carabiniere e del figlio, accompagnati dai militari della Stazione di Pignataro Maggiore. Giovanni Mazzotta era nato a San Pietro in Amantea (provincia di Cosenza) il 14 marzo 1925; nel 1955, a Melicuccà (provincia di Reggio Calabria), sarebbero state celebrate le nozze tra il carabiniere e Maria Galimi. Poi la residenza a Pozzuoli, dove è nato il figlio Franco. La Medaglia d’oro al merito civile – alla memoria – è stata altresì conferita al carabiniere Paolo Giuri, che in quell’occasione, il 9 maggio 1956, era con il commilitone Giovanni Mazzotta. Ecco il motivo del conferimento della Medaglia d’oro al carabiniere Paolo Giuri: “Militare effettivo a stazione distaccata, scortava, unitamente ad un commilitone, un ufficiale esattoriale che doveva eseguire un sequestro presso una masseria, il cui proprietario era considerato particolarmente pericoloso. Giunto in prossimità dell’edificio, con spiccato coraggio e cosciente sprezzo del pericolo, affrontava il destinatario del provvedimento che gli si faceva improvvisamente incontro armato di fucile, venendo proditoriamente ferito al volto da un colpo esploso dal malvivente, accasciandosi al suolo. Il militare decedeva dopo pochi giorni a causa delle gravi lesioni riportate. Nobile esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere, spinti fino all’estremo sacrificio. 9 maggio 1956 – Baselice (BN)”. Il carabiniere Paolo Giuri era originario di Leverano (provincia di Lecce), dove alla Medaglia d’oro è stata intitolata una piazza. Ora i cittadini di Pignataro Maggiore attendono che il Consiglio comunale renda a sua volta omaggio all’appuntato Giovanni Mazzotta, Medaglia d’oro al merito civile, con una pubblica cerimonia e con l’intitolazione di una strada o di una piazza. Stimato da tutti a Pignataro Maggiore, Giovanni Mazzotta era conosciuto non solo per l’alto senso del dovere ma anche per la carica di umanità che metteva al servizio dell’Arma dei carabinieri e dei cittadini. Senso del dovere e umanità che nell’appuntato Giovanni Mazzotta si coniugavano – come è dimostrato dall’episodio per il quale gli è stata conferita la Medaglia d’oro – con un non comune ardimento.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico