Napoli Prov.

Esercito ad Acerra: il Pdl attacca la giunta Marletta

Gerardo BigliardoACERRA (Napoli). “Con la coperta troppo corta delle dichiarazioni alla stampa e dell’ultimo manifesto sull’inceneritore, il sindaco Marletta ed i suoi giannizzeri, nel cercare di coprire qualche pecca, hanno lasciato scoperto il peccatuccio, così finalmente, hanno ammesso il fallimento”.

Lo dichiara, in una nota Gerardo Bigliardo, vicecoordinatore provinciale di Alleanza Nazionale ed esponente del Pdl di Acerra. “L’amministrazione di sinistra aveva avuto mandato popolare per impedire che fosse acceso l’inceneritore di Acerra – continua Bigliardo – ma per portare avanti la sua politica impopolare e gli interessi personali è stata capace soltanto di stipulare compromessi con le autorità, forse per mantenere ferma la commissione di accesso prefettizia. Intanto questi signori sono riusciti a distruggere l’immagine di Acerra, della Campania e dell’intera Nazione con sprechi che non saremo noi a giudicare. Cosa si aspettavano, che il Governo continuasse gli arrangiamenti insulsi che i signori del Comune hanno portato avanti in questi anni? Si appellano al mandato popolare, ma loro lo hanno tradito non appena eletti. Per questo gli elettori appena hanno potuto hanno dato mandato popolare al governo Berlusconi chiedendo di mettere fine allo scempio creato dai fannulloni amministratori acerrani per dare un futuro migliore alla Città e alle sue famiglie. Il centrodestra di Acerra dice basta con l’ipocrisia e la retorica. Se Marletta e la sua giunta saranno disposti a mettere sul tavolo il loro operato e le loro reali intenzioni, noi saremo disponibili a confrontarci pubblicamente affinché Acerra, e non i politicanti, possa avere un ritorno utile dal sacrificio che gli si chiede. Allora, in quella sede, porteremo gli atti con i quali si potranno finalmente chiarire connivenze e bugie di chi oggi sbraita contro un provvedimento di cui si era già ampiamente a conoscenza e che richiede assunzione di responsabilità da parte di tutti”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico