Campania

Clan Casalesi, 12 i latitanti ancora da assicurare alla giustizia

Antonio Iovine - Michele ZagariaCASAL DI PRINCIPE (Caserta). Sono dodici i latitanti di peso del clan dei Casalesi attualmente intenti nella riorganizzazione di compagini criminali fortemente danneggiate da anni di indagini, arresti e collaborazioni.

Due i tronconi principali in cui è strutturata l’organizzazione balzata agli onori della cronaca internazionale a seguito del successo editoriale di “Gomorra”: quello della triade Schiavone-Iovine-Zagaria, legati fra loro da un patto di condivisione affaristica e ripartizione di competenze ben collaudato, e il clan dei “bidognettiani” o, come si dice in loco, facendo riferimento al carismatico capo dei “cicciottiani”.

Giuseppe SetolaRaffaele DianaTornando ai latitanti, oltre agli ormai arcinoti Antonio Iovine (detto “‘o Ninno” per la giovanissima età a cui si ascrivono le sue prime “gesta”) e Michele Zagaria (prima killer spietato e poi scaltro manager di sé stesso), sono riconducibili al clan dei Casalesi, in senso stretto, i latitanti Raffaele Diana, detto “Rafilotto”, sanciprianese, storico esponente della prima ora del clan fondato da Antonio Bardellino, Mario Caterino di Casal di Principe, conosciuto anche col soprannome di “Mario ‘a botta”, Pasquale Vargas e, infine, ma non ultimo, Nicola Panaro.

Panaro, a torto trascurato dalla cronaca nera dei quotidiani locali, sarebbe stato e sarebbe tuttora il reggente di Francesco Schiavone detto “Sandokan” per Casal di Principe. Allo Schiavone il Panaro è inoltre legato da un rapporto di parentela.

Alessandro CirilloEmilio Di CaterinoRaffaele MaccarelloPer quanto attiene, invece, al clan di Francesco Bidognetti, noto come “Cicciotto ‘e mezzanotte”, clan rispetto al quale i casalesi di “Sandokan” hanno un rapporto di tolleranza fondato, tranne qualche eccezione, sulla separatezza degli affari e delle aree di influenza, l’attuale vertice sarebbe da individuare nelle figure di Giuseppe Setola, resosi irreperibile dopo un permesso concesso per un intervento chirurgico oculistico, e di Alessandro Cirillo detto “’o Sergente”. Setola è stato per anni fedele spalla di Aniello Bidognetti, primogenito di Cicciotto, mentre Cirillo già da giovanissimo ha avuto un ruolo di spessore che lo ha condotto ad essere per un certo tempo capozona sul litorale domizio. Ai due latitanti nella “cupola bidognettiana” va affiancato, anche se in una posizione critica, Emilio Di Caterino.

Oltre a questi tre per i bidognettiani rimangono uccel di bosco anche Giovanni Letizia, Raffaele Maccariello e Metello Di Bona.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico