Aversa

Padiglione Expò Shangai, tre architetti aversani tra i progettisti

Padiglione italiano AVERSA. Ci sono anche tre architetti aversani nel gruppo di professionisti, guidato dal professore Giampaolo Imbrighi, vincitore del concorso di idee per il progetto del padiglione italiano all’Expò di Shangai del 2010.

Si tratta di tre giovani professionisti normanni: i fratelli Giuseppe e Francesco Iodice e Marcello Silvestre. Un giusto riconoscimento alla professionalità di una città che è anche sede proprio delle facoltà di architettura e ingegneria. Gli architetti aversani hanno preso parte a un concorso di idee internazionale che ha visto come esito finale cadere la scelta sul progetto che illustra «i valori culturali italiani in termini contemporanei, senza dimenticare quelli del Paese ospite». Il progetto propone, infatti, un edificio che integra in un modello tipico del tessuto urbano italiano un’interpretazione in chiave architettonica dei giochi cinesi delle costruzioni e dello Shanghai. Il disegno del padiglione è una pianta quadrata di 3.600 metri quadri per un’altezza di 18 metri, divisa all’interno in più corpi di dimensioni diverse e irregolari, collegati da strutture-ponte in acciaio che lasciano intravedere i ballatoi di collegamento. Il progetto soddisfa sul piano strutturale l’esigenza di essere eventualmente smontato e ricostruito in dimensione ridotta in un’altra area della città.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico