Sant’Arpino

Maisto: “Un no immotivato all’ordine del giorno sui rifiuti”

gruppo PdSANT’ARPINO. “Un atteggiamento del tutto incomprensibile”, lo ha dichiarato il consigliere comunale Elpidio Maisto riferendosi all’atteggiamento assunto ieri dalla maggioranza Di Santo durante la seduta del civico consesso.

Il responsabile del Pd per l’ambiente, manutenzione, attività produttive e trasparenza afferma: “Nel corso dei lavori dell’ultima seduta consiliare, con all’ordine del giorno il solo argomento della presunta incompatibilità del sottoscritto, la maggioranza ha detto no all’ordine del giorno presentato dal gruppo consiliare del Pd sulla questione dei rifiuti in Campania e con il quale si rivolgeva un appello a varie autorità Istituzionali per una forte ed incisiva azione per la definitiva soluzione di questa drammatica ed infinita crisi”. Questo l’ordine del giorno proposto: Premesso che nonostante l’impegno e lo sforzo del Commissario De Gennaro la crisi dei rifiuti in Campania si ripropone in tutta la sua drammaticità; osservato che la questione rischia di esplodere in modo preoccupante anche sul piano sanitario ed ambientale con gravi conseguenze sull’intera popolazione campana; considerato che il problema dei rifiuti non può essere affrontato in una logica di sterili contrapposizioni, trattandosi di una questione né di desta, né di sinistra e né di centro ma riguarda unicamente il vivere civile e la sicurezza sanitarie ed ambientale di tutti i cittadini campani; ritenuto ormai improcrastinabile ed urgente l’adozione di provvedimenti forti ed autorevoli per uscire definitivamente dalla crisi, anche per scongiurare che si possano ripetere fenomeni come quelli accaduti in questi giorni a Napoli ed in provincia con gravi ripercussioni sull’ordine pubblico; si rivolge un accorato appello all’autorità morale e persuasiva del Presidente della Repubblica, a quella operativa del Presidente del Consiglio che in settimana terrà un Consiglio dei Ministri a Napoli occupandosi proprio dell’emergenza rifiuti, al presidente della Regione, ai presidenti delle Province e ai Sindaci dell’intera regione campana, allo stesso Commissario del Governo per l’emergenza rifiuti, affinché: si trovi una soluzione definitiva per uscire dall’emergenza ciclica dei rifiuti ed avviare un progetto che metta, poi, a regime l’intero ciclo della raccolta e sia vincolante per tutte le amministrazioni del territorio regionale; si metta fine a quest’ anarchia generalizzata per cui si dice sempre no a qualsiasi soluzione: no al termovalorizzatore, no alla discarica, no ai siti di stoccaggio provvisori, no ad ogni proposta; si smetta di innalzare barricate e a dire sempre che occorre ben altro, alla ricerca dell’ottimo, trascurando il meglio e tenendoci il peggio, cioè la “monnezza” sotto casa; si operi con una scatto di orgoglio e si recuperi il senso dell’interesse generale per indicare una soluzione che non sia provvisoria ed eviti che dal dramma si passi alla tragedia. Una soluzione che sia di medio-lungo termine, di alto profilo e che presti grande attenzione alla sicurezza dell’ambiente e della salute dei cittadini.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico