Italia

Camorra, Castelvolturno risponde: “Io non pago il pizzo”

gli alunni in corteoCASTELVOLTURNO (Caserta). “Io non pago il pizzo”. E’ lo slogan che sabato mattina ha accompagnato la manifestazione contro la camorra tenutasi a Castelvolturno, nel casertano, in memoria di Domenico Noviello, l’imprenditore ucciso lo scorso 15 maggio dal clan dei casalesi perché aveva denunciato i suoi taglieggiatori. video

Un evento organizzato dall’amministrazione comunale e dall’associazione Libera di Don Ciotti e Comitato Don Peppe Diana, in collaborazione con le scuole cittadine, l’Ascom e la Confesercenti Provinciali, le associazioni Alilacco, Arca, Liberamente, Radica, La Voce dei Giovani, Magnificat, Centro Laila, il Bilanciere, la Pro Loco S.Maria del Mare, Bagnara che vive, Centro Fernandes, Jerry E. Masslo, Facimmece quattro risate, Informare, associazione Albergatori, associazione Stabilimenti Balneari, C.s.v. Asso.vo.ce, Jean Piaget, Aphrodite, associazione Allevatori.

Centinaia di studenti, assieme a genitori, insegnanti e rappresentanti delle associazioni, tra cui numerosi extracomunitari, si sono radunati in corteo dinanzi al Palazzo Municipale. “Chi non salta illegale è” gridavano gli alunni, che esibivano striscioni colorati contro la camorra ma anche per la salvaguardia dell’ambiente. Dietro il “fiume umano” venivano innalzati i cartelloni “Io non pago il pizzo…e denuncio chi me lo chiede”, riguardanti la campagna antiracket e antiusura della “Casa della solidarietà” (numero verde 800.406600) e distribuito il numero speciale del locale periodico “Informare” con in prima la foto di Domenico Noviello, sovrastata dal saluto della comunità: “Ciao Mimmo…”. In testa al corteo il sindaco di Castelvolturno Francesco Nuzzo, assieme al vicepresidente della Provincia di Caserta, Mimmo Dell’Aquila, al senatore Lorenzo Diana e ai sindaci e rappresentanti dei comuni limitrofi di Mondragone e Falciano del Massico.

il sindaco Francesco Nuzzo“Una risposta alla mossa criminale di aver ucciso un cittadino coraggioso che si era rifiutato di pagare il pizzo”, ha commentato durante il corteo il sindaco Nuzzo, per il quale “il popolo e la scuola hanno partecipato in maniera formidabile”. “Noi – ha aggiunto il primo cittadino – crediamo che la camorra, avendo alzato il tiro con l’ultimo omicidio, abbia intrapreso una strada che molto probabilmente la porterà alla sconfitta. Oggi Castelvolturno ma anche le città vicine hanno testimoniato che la strada per battere la criminalità organizzata è quella di un forte risveglio della coscienza civile. Se ci riapproprieremo degli spazi di libertà e soprattutto del senso del nostro io, – ha concluso Nuzzo – credo che per la camorra non ci sarà più spazio”.

il sindaco invita i bambini a scandire gli slogan anticamorraCritico il senatore Lorenzo Diana per l’assenza delle alte cariche istituzionali. “Bisogna dare sostegno alle forze dell’ordine e alla magistratura, e questo è compito della politica e delle rappresentanze istituzionali, che stamattina avrei voluto vedere qui. Le istituzioni – ha aggiunto Diana – non possono sottovalutare quanto accade qui, bisogna camminare di pari passo con le forze dell’ordine, dalle quali cogliamo sempre un fattivo interesse. Non a caso, l’idea del capo della Polizia Antonio Manganelli di aprire una sede della Squadra Mobile a Casal di Principe”.

L’esponente del Pd ha anche commentato l’agguato alla 25enne Francesca Carrino, nipote di Anna Carrino, collaboratrice di giustizia ed ex compagna del boss Francesco Bidognetti del clan di casalesi: “Il tentativo di omicidio alla Carrino – ha detto Diana – non rappresenta un regolamento di conti ma è una sfida allo Stato. Bisogna respingere questa strategia del terrore”.

Corteo anti-camorra

Interviste al sindaco Nuzzo e al senatore Diana

Intervista alle associazioni

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico