Aversa

Asl Ce2, la Costantini risponde alla Fials

Antonietta Costantini AVERSA. “Il nuovo Piano Sanitario Territoriale ha completamente rivista e migliorata l’organizzazione del presidio ospedaliero di Aversa. …

…Ho, infatti, ritenuto che la centralità della struttura e la notevole affluenza di utenza proveniente non solo dal territorio dell’agro ma anche da quello dei territori limitrofi delle Asl Na2 e Na3, richiedesse un ampliamento della dotazione attuale di posti letto”. La manager Antonietta Costantini risponde dati alla mano alla Fials casertana che aveva stigmatizzato le scelte della direzione della struttura sanitaria normanna accusandola di aver privilegiato la sanità privata a scapito di quella pubblica. “La riorganizzazione – ha continuato la Costantini – ha comportato pertanto un incremento di 24 posti letto e la creazione di nuove unità operative di cui si avvertiva l’esigenza anche per la forte emigrazione dell’utenza verso altre strutture sia pubbliche che private, con notevole aggravio dei bilanci della Asl. Proprio a tale scopo sono state create le Unità Operative di Neurochirurgia e di Neurologia con stroke unit; è stata prevista l’istituzione dell’Unità di Emodinamica all’interno della U.O. di Cardiologia e UTIC; sono stati implementati i posti letto di Otorino che accorperà nel presidio di Aversa la struttura di Santa Maria Capua Vetere”. La responsabile dell’Asl aversana preannunzia anche che: “la stessa Anatomia Patologica attualmente collocata in via Santa Lucia, verrà spostata all’interno del plesso ospedaliero al fine di conseguire una migliore funzionalità. E’ chiaro che la struttura ospedaliera richieda importanti interventi di adeguamento e per questo motivo è stata avanzata richiesta alla Regione Campania al fine di ottenere un finanziamento di 15 milioni di euro da inserire nella terza fase dell’art.20 legge 67/88”. In conclusione, la manager dichiara: “L’attuale Direzione Generale si sta attivando su più fronti per garantire all’ospedale di Aversa la dignità che merita e notevole è il profilo collaborativo e di affiancamento dimostrato da tutte le forze istituzionali e politiche”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico