Villa Literno

Rifiuti tossici sotto un vivaio, due denunciati

il terreno in località VILLA LITERNO (Caserta). I moderni untori continuano nella loro opera di avvelenamento dell’ambiente ed ancora una volta è Villa Literno il teatro di questa attività che consiste soprattutto nello smaltimento di rifiuti tossici e pericolosi. video

A scoprire l’ennesima discarica di ben diecimila metri quadrati, occultata sotto le belle piante di un vivaio, gli agenti del commissariato di Aversa, coordinati dal dirigente Antonio Sferragatta. Il rinvenimento è avvenuto in località “Torre del Monaco”. I poliziotti si sono avvalsi, così come le volte precedenti, della collaborazione del Corpo Forestale dello Stato e del Dipartimento Provinciale Arpac di Caserta. E’ stata individuata una vasta area di circa 10mila metri quadri adibita a discarica Polizia sequestra il sitoabusiva di rifiuti speciali pericolosi, in particolare all’interno della stessa discarica è stata accertata la presenza di scorie di fusione proveniente dalla lavorazione industriale di alluminio, particolarmente tossiche, materiale derivante da demolizione edilizia, parti di mobili e materassi, tubazioni in pvc ed altro. Gli agenti hanno anche chiesto collaborazione ai vigili del fuoco per l’utilizzo di una pala meccanica per eseguire degli scavi in profondità. Il terreno all´apparenza si presentava come un rigoglioso vivaio di piante di palma ed ulivo, ma celava sotto pochi metri una vera e propria discarica abusiva, pericolosissima per l’ambiente. Accertata, quindi, la violazione delle norme in materia ambientale, consistente nella realizzazione di una discarica non autorizzata, l’area in questione veniva sottoposta a sequestro penale e venivano denunziati a piede libero C.G., 45 anni, di Casal di Principe, e C.G., 40 anni, di Villa Literno, proprietari del terreno. Sono in corso indagini per accertare ulteriori, correlate responsabilità in ordine alla gestione delle discarica abusiva scoperta dalle forze dell’ordine.

Video – Polizia sequestra discarica

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico