Sant’Arpino

Voto di scambio, Di Santo denuncia Savoia

Eugenio Di SantoSANT’ARPINO. Il candidato a sindaco di “Alleanza Democratica”, Eugenio Di Santo, accompagnato dall’avvocato Vincenzo Guida, ha presentato lunedì sera ai carabinieri della stazione di Sant’Arpino una denunzia querela, nei confronti del sindaco uscente Giuseppe Savoia, e nei confronti di tutti coloro che saranno ritenuti responsabili del reato c.d. di “voto di scambio”.

Ecco il testo integrale della denuncia.

“Il sottoscritto riveste la carica di Consigliere Comunale a S.Arpino ed è candidato alla carica di Sindaco in occasione del rinnovo del consiglio comunale a capo della coalizione denominata ‘Alleanza Democratica per S.Arpino’ che affronterà il voto previsto per il prossimo 13 e 14 aprile. Il fatto che si intende portare all’attenzione dell’Autorità Giudiziaria, con un immediato e pronto intervento riguarda quanto si sta verificando in questi giorni di campagna elettorale. La coalizione guidata dal sindaco Giuseppe Savoia unitamente ai propri candidati sta ripetutamente violando le norme previste a tutela del corretto svolgimento della competizione elettorale. In particolare si registra una costante violazione dell’articolo 96 del Dpr n° 361/1957. In special modo l’amministrazione comunale, nel pieno della campagna elettorale, sta provvedendo ad effettuare una azione volta a condizione il voto libero degli elettori. Il sindaco Savoia, unitamente ai propri candidati, sta offrendo e promettendo impieghi pubblici e privati ad uno o più elettori. Si rammenta che siffatto comportamento rappresenta una ipotesi concreta di reato. Alcuni candidati della lista del sindaco Savoia hanno invitato diversi giovani a svolgere colloqui finalizzati ad assunzioni presso l’Azienda pubblica Geo Eco. Gli stessi, unitamente ad altri soggetti, stanno personalmente accompagnando giovani elettori a sostenere gli indicati colloqui. Ma quel che è ancor più grave e che merita un intervento immediato è rappresentato dalla vicenda relativa alla società Ecoatellana Multiservice srl. Detta società ha come unico socio il comune di S. Arpino, di conseguenza l’unico azionista è rappresentato dal sindaco Savoia. In queste ultime ore sono giunte presso le abitazione di circa 53 elettori di S. Arpino un telegramma di convocazione per un bando di selezione del personale addetto al servizio di spezzamento e manutenzione del verde. Tale telegramma contiene un invito a presentarsi il giorno 10 aprile 2008 presso la sede della società. Inoltre i candidati vengono informati che, dalle ore 11 alle ore 12, si dovranno sottoporre ad una prova test psico attitudinale e di cultura generale. Orbene la società in questione, si ripete di natura pubblica, svolge una selezione a soli tre giorni dal voto. E mentre giungono queste convocazioni diversi candidati della lista del sindaco uscente Savoia, poiché i candidati sono 53 ed i posti solo 3, stanno promettendo a tutti i partecipanti l’assunzione, garantendo loro di giungere nei primi tre posti della graduatoria. Tale modus operandi è assolutamente grave tale da turbare il libero svolgimento della competizione. Per questo si chiede all’Autorità Giudiziaria un intervento immediato, provvedendo anche al sequestro di tutta la documentazione relativa alla procedura di selezione in questione”.

Di Santo ha specificato, infine, che della questione sarà investito anche il Prefetto di Caserta affinché “vigili sul regolare andamento del voto amministrativo a Sant’Arpino”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico