Sant’Arpino

“Le dichiarazioni della Dell’Amico ci danno ragione”

Di Santo e alcuni candidatiSANT’ARPINO. “Visto che il padre si era riservato di sporgere querela nei nostri confronti, oggi lo invitiamo a farlo, perché a darci ragione anche in sede giudiziaria, e non solamente politica, saranno le dichiarazioni di sua figlia”.

Il candidato a sindaco di Alleanza Democratica, Eugenio Di Santo, risponde alle affermazioni rese da Adriana Dell’Amico, figlia di Angelo, Preside dell’Istituto Comprensivo “Vincenzo Rocco” di Sant’Arpino. “Quello fattoci dalla pargola del dirigente scolastico – dichiara Di Santo – è stata la migliore conferma di quello che andiamo sostenendo da tempo. In pratica la sig.ra Adriana ha ammesso che lei e soprattutto suo padre sono schierati a spada tratta con l’amministrazione uscente e che sono dei fedelissimi di Savoia. Una cosa è la difesa, umanamente comprensibile di un genitore finito nell’occhio del ciclone, altro è lanciarsi in sperticate lodi del sindaco uscente e della sua amministrazione. Una vera e propria discesa in campo di cui avevamo notizia da tempo, ma mai pensavamo che venisse ufficializzata in maniera tanto chiara ed indiscutibile. Ne prendiamo atto e ci sentiamo ulteriormente legittimati a proseguire nella strada intrapresa che, come ho ripetuto più volte in queste ore, mira solamente a tutelare la dignità dell’istituzione scuola che ha una funzione troppo importante per essere coinvolta in beghe politiche. Mai e poi mai i nostri studenti, e i loro genitori, avrebbero pensato di vedere girare nelle classi dei candidati alle elezioni amministrative. Uno scandalo senza precedenti che ovviamente abbiamo segnalato a chi di competenza affinché adotti i provvedimenti del caso e faccia sì che anche l’Istituto Comprensivo di Sant’Arpino torni ad essere una scuola dove l’unica funzione svolta è quella dell’istruzione e della formazione delle nuove generazioni. Cinque anni di amministrazione Savoia, spalleggiata dai suoi amici Presidi, hanno portato anche a questo assurdo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico