Italia

L”aumento dei prezzi è costante

 Registriamo l’aumento costante dei prezzi di alcuni beni, quali: pane, latte, pasta, frutta, fette biscottate, yogurt, formaggi, benzina e gasolio.

Inoltre, i cittadini non possono difendersi dall’aumento delle bollette per i tributi e tasse locali. A fianco a questi aumenti bisogna registrare quelli delle assicurazioni per auto e moto e conto correnti bancari. Le associazioni dei Consumatori hanno calcolato che una famiglia media spende 7.635 euro in più rispetto a 6 anni fa, e che il potere di acquisto dei salari, stipendi e delle pensioni è fermo al 2000.

A cosa sono dovute questi aumenti che rendono i percettori di reddito fisso: operai, impiegati, pensionati più poveri? Essenzialmente ad alcune motivazioni: L’aumento della richiesta di beni di prima necessità da parte di milioni di persone; l’aumento del prezzo del petrolio; speculazione in atto sul mercato mondiale.

A questi elementi generali e mondiali bisogna aggiungere il fatto che in Italia esiste una filiera distributiva lunga, dispendiosa ,improduttiva e che fa aumentare, ancora di più, i prezzi. Una struttura politica sempre più costosa. Per questo è necessario: intervenire rapidamente con sgravi fiscali su salari, stipendi e pensioni; ridurre le articolazioni politiche-istituzionali: riduzione dei parlamentari, riduzione degli stipendi, riduzione delle articolazioni istituzionali con l’abolizione delle amministrazioni provinciali; Intervenire sui mercati mondiali per una migliore regolamentazione; intervenire sulla filiera distributiva per renderla meno dispendiosa e improduttiva.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico