Italia

Divorzio e aborto: “colpe gravi” per Ratzinger

Benedetto XVICITTA’ DEL VATICANO. “Colpe gravi”. Così definisce il divorzio e l’aborto Benedetto XVI. Papa Ratzinger, nel corso di due udienze, sabato mattina, è ritornato a ripetere il “si” alla “dignità della persona umana, alla sua vita e alla sua capacità di amare”.

E l’ha fatto ancora una volta urlando il “no” al divorzio e all’aborto procurato, “che, in misura diversa e fatta salva la valutazione delle responsabilità soggettive, ledono la dignità della persona umana, implicano una profonda ingiustizia nei rapporti umani e sociali e offendono Dio stesso, garante del patto coniugale ed autore della vita”. Il Santo Padre ha sottolineato, però, il compito della Chiesa che deve aiutare chi porta le “ferite interiori” di queste “colpe gravi”. L’interruzione della gravidanza e le separazioni coniugali per il Papa “sono scelte di natura certo differente, talvolta maturate in circostanze difficili e drammatiche, che comportano spesso traumi e sono fonte di profonde sofferenze per chi le compie”. Ma “colpiscono anche vittime innocenti: il bambino appena concepito e non ancora nato, i figli coinvolti nella rottura di legami familiari. In tutti lasciano ferite che segnano la vita indelebilmente”. Proprio per questo la Chiesa ha “il dovere primario di accostarsi con amore e delicatezza, con premura e attenzione materna, per annunciare la vicinanza misericordiosa di Dio in Gesù Cristo”. L’intervento di Ratzinger sulla “cultura della morte” non poteva non prendere in esame anche l’eutanasia. E agli anziani si è rivolto in particolare durante la seduta plenaria del Pontificio Consiglio per la Famiglia, ricordando l’importanza che essi hanno nella vita familiare e indicando nella ricerca della propria fine l’esempio della cultura della morte che “insidia” oggi “la stagione della terza età”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico