Cesa

Seconda seduta del Consiglio Comunale dei Ragazzi

Consiglio Comunale dei RagazziCESA. Convocato il Consiglio Comunale dei Ragazzi di Cesa, è la seconda seduta dalla sua istituzione avvenuta a dicembre scorso.

La seduta si terrà giovedì prossimo alle ore 17.30 nella Sala della Biblioteca Comunale in villa Aldo Moro. Cinque i punti posti all’ordine del giorno dal Sindaco dei Ragazzi Micaela Guarino. I baby consigliere sono chiamati a discutere ed approvare progetti che toccano varie tematiche, da quella ambientale, a quella sportiva, passando per il folclore e le problematiche della socializzazione. La convocazione del Consiglio dei Ragazzi giunge dopo un percorso di alcuni mesi, fatti di momenti di confronto all’interno della scuola, tra i membri del CCR e tra questi e gli esponenti dalla Giunta Comunale degli adulti. “L’ordine del giorno – ha spiegato il baby sindaco Guarino – è frutto di esigenze emerse durante una serie di dibattiti tra noi ragazzi e con i rappresentanti delle istituzioni locali. Abbiamo incontrato l’assessore alla pubblica istruzione e bilancio Stefano Verde che ci ha ascoltato su alcune questione e poi ci ha messo a conoscenza del budget di 2mila euro che l’amministrazione comunale ha stanziato per la nostra attività. Successivamente c’è stata una riunione in Comune con il sindaco Vincenzo De Angelis e l’intera Giunta Comunale per capire se le nostre proposte erano fattibili. Infine, la stesura dei progetti che porteremo all’attenzione del CCR”. I progetti sono: “Una scusa per uscire..Cineforum in Biblioteca”, “In bici o a piedi per il bene dell’ambiente”, “Differenziamoci a scuola..”, “Canta Cesa concorso canoro e di ballo” e la trasformazione del campo di basket del parco gioco in capo polifunzionale con rete per pallavolo. “E’ encomiabile – ha esordito l’assessore all’istruzione Stefano Verde – il modo con cui questi ragazzi stanno interpretando il ruolo di Consiglieri Comunali. Sono attenti e propositivi, entrando nel merito di ciò che li riguarda direttamente. Questo è il miglior modo per coltivare la democrazia e progettare il futuro”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico