Caserta

Lavoro, Palumbo (Ugl) ospite di Rcn

Ferdinando PalumboCASERTA. Della scottante situazione dei salari e della sicurezza sui luoghi di lavoro si è parlato ieri sera nel corso della trasmissione “La ruota panoramica” in onda alle ore 19.30 su Radio Caserta Nuova.

Ospite della trasmissione il dirigente sindacale della Ugl Caserta Ferdinando Palumbo, il quale, incalzato dal conduttore Mimmo Testa, ha argomentato con chiarezza le posizioni della sigla sindacale, snocciolando a supporto delle tesi proposte dati e statistiche. L’intervento di Palumbo si è aperto in maniera inaspettata, col sindacalista che ha assicurato pubblicamente la sua solidarietà ai lavoratori del Carrefour di Capodrise “ingiustamente caricati durante una civile manifestazione”. Il discorso e scivolato successivamente sulla tematica morti bianche; secondo Palumbo, entusiasta per la recente approvazione del testo unico in materia “è necessario applicare rigorosamente le leggi sulla sicurezza, lavoratori ed imprenditori – ha spiegato – devono tenersi idealmente per mano e risolvere questo problema, le aziende devono favorire e non osteggiare l’operato delle Rls”. Palumbo ha ricordato la tragica fine dell’operaio casertano Michele De Lucia Sposito esprimendo il suo cordoglio alla moglie ed ai figli dell’operaio deceduto ed ha ricordato che la Ugl Caserta aveva, alla fine del 2007, sensibilizzato con una serie di iniziative i lavoratori alla massima attenzione. Riguardo alla problematica salari e caro vita, il sindacalista ha stigmatizzato l’operato di chi crede che con qualche ora di straordinario detassato si risolva il problema dei salari in Italia ed ha risposto alle telefonate degli ascoltatori assicurando l’impegno della Ugl “che da tempo si batte affinchè lo stato italiano ponga in essere nuove politiche. La Ugl– ha concluso il sindacalista – auspica l’inversione di un trend quindicinale che ha reso gli stipendi italiani i più bassi d’Europa. Una tassazione delle rendite finanziarie che sia in linea con gli altri paesi della Unione Europea e la contemporanea istituzione del quoziente familiare potrebbero rappresentare in questo senso i primi passi per cambiar rotta”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico