Casaluce

Rifiuti tossici in via Lemitone

I vigili teverolesi in via LemitoneCASALUCE. Continua l’allarme rifiuti tossici nelle zone a confine fra Teverola e Casaluce. Dopo l’incendio di scarti industriali verificatosi la scorsa settimana, ieri mattina si è consumato l’ennesimo scempio ai danni del territorio.

In via Lemitone, sul territorio di Teverola, un gruppo di contadini casalucesi, proprietari di alcuni terreni dove vi sono diverse coltivazioni, tra cui pomodori, hanno allertato carabinieri e vigili del fuoco, segnalando la presenza di materiale plastico triturato nei campi. Dell’episodio è stata informata anche la Prefettura di Caserta che, subito dopo, ha contattato il sindaco Biagio Lusini. Sul posto il primo cittadino ha inviato la polizia municipale, con l’assessore all’ambiente Dario Di Matteo. Presente anche il responsabile dei Verdi di Casaluce, Antonio Graziano. Gli agenti hanno immediatamente messo in sicurezza la zona, mentre Di Matteo ha informato il Commissariato di governo per l’emergenza rifiuti in Campania. “Certamente si tratta di rifiuti di natura industriale – ha commentato il sindaco Lusini – anche se sono in corso gli accertamenti da parte delle autorità. Abbiamo contattato il Commissariato per richiedere l’intervento di una ditta specializzata che nei prossimi giorni dovrà smaltirli”. Un episodio che ha destato non poco sconcerto nell’animo del primo cittadino teverolese, soprattutto perchè “quella zona era stata ripulita solo poche settimane fa, assieme a quella industriale e all’area Pip. Ora – sbotta Lusini – ci sono di nuovo i rifiuti, per giunta tossici”. La difficile, quanto pericolosa situazione delle campagne tra Casaluce e Teverola è stata oggetto, nelle ultime settimane, di una petizione firmata dagli stessi contadini che hanno coltivazioni in zona, finalizzata ad un maggior controllo del territorio.

I vigili teverolesi in via Lemitone

dal Corriere di Caserta (di Luisa Conte)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico