Campania

Sant”Anastasia, si commemora la tragedia Flobert

La tragedia FlobertSANT’ANASTASIA (Napoli). La notizia è stata comunicata all’Amministrazione, in un apposito incontro programmatico, da un gruppo di cittadini di via Romani: lo scoppio della Flobert fece tredici vittime e non dodici.

L’amministrazione comunale con una manifestazione pubblica commemora venerdì 11 aprile, dalle ore 10, il trentatreesimo anniversario del tragico evento, avvenuto l’11 aprile del 1975, in cui persero la vita 12 operai, nello scoppio della Flobert, una fabbrica di armi giocattolo sita in contrada Romani. Le vittime, il cui riconoscimento fu arduo perché ridotte a brandelli, erano native o residenti di Sant’Anastasia, Somma Vesuviana, Ottaviano, Marigliano, Portici e per onorarne la memoria fu eretto un monumento nel locale Cimitero. L’unico superstite fu Ciro Liguoro, che si ritrovò sotto le macerie, pieno di sangue e, dopo la visione che ebbe della Madonna dell’Arco, come lui stesso racconta, ritrovò la forza di liberarsi e fare pochi passi prima di svenire. Quest’anno, per la prima volta, il Sindaco ha invitato, con una propria nota inviata ai parenti delle vittime, anche i familiari della tredicesima vittima, Fiorentina Guadagno, che si spense a causa delle ustioni dopo tre giorni dallo scoppio. Nel segno della democrazia partecipata, il programma è stato discusso e approfondito nei dettagli a seguito di apposita concertazione avvenuta tra il Sindaco, l’assessore alle P.S., Assunta Cennamo, la presidente della Commissione pari Opportunità, Francesca Beneduce, gli incaricati dell’Ente, il Parroco della contrada Romani, don Carlo Cicala e una rappresentanza di cittadini del posto. “Commemorare i 13 caduti – afferma il sindaco, Carmine Pone – e riflettere sull’evoluzione del mondo del lavoro ed in particolare sulla sicurezza dei luoghi di lavoro è la molla che mi ha spinto ad agire, con l’intento di evitare decisamente connotazioni politiche, quindi tutti sono invitati a partecipare per prendere maggiore coscienza che le morti bianche, tristemente attuali, e i tanti incidenti sul lavoro pretendono risposte e norme adeguate, perché queste tragedie non si ripetano più”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico