Campania

San Marco, busto di bronzo al pugile Palermo

 SAN MARCO EVANGELISTA (Caserta). Michele Palermo è stato, senza ombra di dubbio, il figlio migliore della città di San Marco Evangelista.

Questa mattina, con inizio alle ore 11.00, in piazza Gramsci, all’esterno dello spiazzo che si trova all’esterno della Chiesa Madre, il sindaco Vincenzo Zitiello inaugurerà il busto di bronzo di Palermo. Il busto è opera dello scultore e pittore Raffaele Bernardo di Maddaloni dove ha lo studio in via Cucciarelli. Grazie all’iniziativa dell’assessore Angelo Ciaramella, che si è ripresentato alla carica di consigliere comunale, a Michele Palermo è stata intitolata nel 2004 la palestra della scuola media, poi, nel 2005, il sindaco Vincenzo Zitiello fece stampare un libro biografico del suo cittadino più illustre. Michele Palermo nacque a San Marco Evangelista il 3 ottobre 1911 e fu uno dei più grandi campioni che l’Italia abbia avuto. Intelligenza, generosità, astuzia, cattiveria, resistenza e cuore, tanto cuore, fecero del contadino di San Marco Evangelista, uno dei pugili più ammirati e temuti d’Europa e non solo d’Europa, se è vero – come è vero – che “Michelone”, altrimenti conosciuto come “Kid Frattini”, nelle due volte che si recò negli Stati Uniti, mecca del pugilato mondiale, seppe r ben trentatre vittorie, contro solo due sconfitte ed un pari. “La figura di Michele Palermo”– ha affermato il primo cittadino – deve essere di esempio per i giovani. Con la perseveranza, lo spirito di sacrificio e l’impegno continuo i giovani potranno ottenere, tanto nello sport, quanto nella vita quotidiana, i risultati sperati. In questi cinque anni di consiliatura, il disegno del sindaco di San Marco Evangelista Vincenzo Zitiello è stato quello di scendere in campo con la sua amministrazione comunale per mettersi al servizio dei giovani “Il nostro obiettivo – ha affermato Zitiello – è quello di reinserire il maggior numero di giovani nella società attraverso lo sport e anche per questo che ieri abbiamo inaugurato un nuovo campo sportivo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico