Campania

Napoli, Moretto (An): Dopo la sconfitta il sindaco lavori per la città

Vincenzo MorettoNAPOLI. “All’indomani dei dati elettorali definitivi che hanno prodotto uno tsunami politico di proporzioni gigantesche, assistiamo sulla stampa cittadina e nazionale ad una girandola di comunicati tutti, chi più chi meno, dello stesso tenore: via Bassolino, via Di Palma, via la Iervolino”.

È quanto afferma in una nota scritta il Consigliere comunale di Alleanza Nazionale Vincenzo Moretto. “Personalmente sono dell’opinione che il sindaco Iervolino darà le dimissioni contemporaneamente al Governatore Bassolino, basti ricordare quando alla scadenza del primo mandato a sindaco annunciò che non si sarebbe ricandidata salvo cambiare idea quando Bassolino le chiese di rimanere alla guida della città. Se si dimettesse – aggiunge Moretto – a noi non dispiacerebbe certo, ma ora è il momento di rimettersi a lavorare per Napoli ed i napoletani. Sono due mesi che il Consiglio comunale non viene convocato, eppure i problemi da risolvere sono tanti, invece il centrosinistra ha pensato bene di prendersi due mesi di ferie ed i napoletani, come si è visto, li hanno sonoramente bocciati. Anche stamattina, la Commissione Attività Produttive non si è riunita. Erano presenti solo due consiglieri dell’opposizione. L’ipotesi del rimpasto di giunta e delle deleghe annunciato dal sindaco rappresentano per lei una tardiva presa di posizione, anzi, per certi punti di vista, rappresenta una sua precisa colpa. Se si è accorta che solo ora l’esecutivo non funziona, dov’è stata fino a questo tempo? E se proprio vuole fare un rimpasto di giunta ci risparmi di vedere in giunta gli onorevoli trombati al Parlamento, come fece a suo tempo con il direttore generale che, per giunta, non poteva essere nominato direttore generale perché mancante del requisito fondamentale: il possesso della laurea, con Gambale e la D’Abundo, entrambi bocciati dagli elettori e sistematicamente premiati dai loro pigmalioni. Per quanto ci riguarda – aggiunge l’esponente di Alleanza Nazionale – grazie a Lei ed al Presidente del Consiglio comunale, suo alter ego, noi non siamo messi in condizione neppure di fare opposizione perché il Consiglio comunale non si riunisce. Dove facciamo opposizione, sui giornali ed attraverso le televisioni? Basta con i rinvii, i napoletani debbono sapere che da due mesi la maggioranza di centrosinistra non lavora per la città, ma sono tutti abbarbicati alle loro poltrone. Chi non ha voglia di lavorare deve andare via, se si votasse oggi molti colleghi consiglieri andrebbero a lavorare sul serio”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico