Campania

Liternum sviluppo: lentamente ma decisamente dei passi in avanti

 GIUGLIANO (Napoli). Senza clamori, ma in modo determinato, l’Agenzia per lo sviluppo dell’area Giuglianese va avanti e coglie i primi rilevanti risultati.

Primo fatto rilevante è l’aumento del capitale, portato da 150.000 a 250.000 Euro, grazie all’impegno dell’Amministrazione Provinciale, che potrà determinare sviluppi positivi, se supportato dal sostegno politico e finanziario degli Enti locali della zona. Inoltre l’attivazione di due tavoli di confronto, di condivisione e di elaborazione collegiale è un altro elemento positivo perché sia il tavolo istituzionale che quello di partenariato devono servire ad elaborare proposte organiche che entro il 31/12/08 faranno parte del “Piano di sviluppo strategico” dell’area Giuglianese. Il “Piano di Sviluppo Strategico” è il vero banco di prova su cui tutti, Imprenditori, Sindacati, Istituzioni ed Associazioni si dovranno confrontare facendo ognuno le dovute scelte. Intanto si possono già avanzare alcune priorità necessarie ed indispensabili per lo sviluppo della zona ossia: il recupero ambientale, precondizione per lo sviluppo; l’utilizzo dell’area vicino al mare che, attraverso l’integrazione mare—archeologia— verde, servirà ad innalzare la qualità della vita dell’intera area. Consolidare l’esistente ed impegnarsi per l’emersione del sommerso è un altro punto su cui si riversano le energie dell’Agenzia. Inoltre lentamente, ma in maniera decisa, è necessario attirare nuovi investimenti per sviluppare i settori più innovativi quali l’avionica che qui vanta una discreta preesistenza. Insomma i punti sui quali l’Agenzia si sta confrontando sono tre: Migliorare l’ambiente, Rafforzare l’esistente, Sviluppare settori innovativi. Bisogna aggiungere però che alcune azioni sono lodevoli ma altre, se fatte frettolosamente, possono compromettere negativamente il territorio. Il riferimento è alla decisione assunta dal Consiglio regionale della Campania di far iniziare fra 45 giorni la bonifica del territorio del Giuglianese soprattutto perché il piano sarà attuato attraverso l’accordo di programma preso con gli Enti Locali. Viceversa la decisione della Giunta Provinciale di Napoli di approvare il Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale con la costruzione di 20.000 alloggi nell’area di Varcaturo (Giugliano) può rappresentare un colpo mortale al territorio. Un programma ambizioso dunque che l’Agenzia intende portare avanti impegnandosi, nel contempo, su problematiche che ha già avviato a soluzione. Il riferimento è alla costruzione di un centro di formazione per lo sviluppo locale con alcune aule ed un laboratorio già attrezzato per attivare e realizzare, nel prossimo futuro, corsi di educazione ambientale in attesa della definizione di un “Patto Formativo” locale che sarà in grado di dare risposte ai tanti giovani della zona. Sicuramente è questo un buon inizio ma è necessario che gli Enti locali affermino la cultura dello sviluppo e sostengano l’Agenzia in maniera adeguata e nelle sedi opportune. Decisivo diventa il ruolo del Sindacato confederale che può finalmente confrontarsi con un organismo in grado di proporre, elaborare, operare; proprio come i cittadini della zona si aspettano oramai da troppo tempo. Ricordiamo che questi sono i primi passi per realizzare un’inversione di tendenza su un territorio che è stato ripetutamente saccheggiato, dove migliaia sono le costruzioni abusive, e dove negli ultimi dieci anni i continui ed incontrollati sversamenti di materiali nocivi e tossici hanno portato alla distruzione di intere aree agricole.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico