Aversa

Pallavolo, aversane battono Brindisi 3-0

Centro SantulliAVERSA. C’era aria di riscatto e così è stato. Per le ragazze del Centro Santulli una vittoria meritata ed una prestazione che non ammette critiche: dopo l’amaro in bocca di Mercato San Severino, questa è la giusta risposta che la squadra dà alla città ma soprattutto a chi crede che il campionato abbia ancora poco da dire.

E se così fosse, non resterebbe che plaudire comunque alla prestazione delle atlete che stanno comunque lottando fino alla fine per un posto di gloria, tutto sommato più che meritato. La gara di oggi era certamente tra le più pericolose di questo rush finale, ma coach Montemurro ha saputo mettere in campo una squadra vivace e reattiva. Ed è stata certamente questa la ricetta che ha risolto con tre parziali netti una gara tutta in discesa per le aversane. Coach Lapertosa può fare affidamento su una ottima Taurisano, vera e propria trascinatrice delle pugliesi, mentre dall’altra parte Francesco Montemurro si affida al sestetto che ha già ampiamente dimostrato di saper far inginocchiare qualsiasi squadra gli si presenti dinanzi: venticinque lunghezze di distacco, nel totale dei punti, e poco più di 60 minuti bastano per archiviare la ventitreesima giornata. Inizia benissimo la Savostianova che riesce in tre occasioni a metter palla a terra. Una straordinaria Sollo, nonostante qualche attacco poco concreto, aiuta a chiudere positivamente il primo parziale con undici lunghezze di distacco (25-14). Nel secondo set la squadra aversana si conferma assoluta dominatrice del parquet di gioco, nonostante sul 16-10 le brindisine riescano ad avvicinarsi alle padrone di casa di tre punti. Ma bisogna fare i conti però con una formidabile Casillo, autrice di chiusure a muro e di fantasiosi guizzi che regalano anche il secondo parziale positivo alle aversane (25-20). L’Aversa mette il piede sull’accelleratore e Taurisano non riesce a sostenere da sola i ritmi del gioco: la sua prestazione comincia a scemare e neanche la buona prestazione di Pepe, in attacco, riesce più a dare i suoi frutti. Si paga molto la disattenzione difensiva e la ripartenza. E dall’altra parte del campo è ancora un ottima Savostianova che si fa notare e che, chiamata in causa dalla regia di Picerno, abbatte ogni flebile speranza delle avversarie. Un plauso va anche al libero Federica Pietrangeli ancora vistosamente dolorante (dopo l’infortunio di 14 giorni fa alla spalla) ma che riesce a dare con professionalità e soprattutto con cuore una mano alla squadra. Una vittoria certamente di tutto il roster e dello staff tecnico, che da qui in avanti dovrà assolutamente rimanere concentrato per un prosieguo di campionato d’autore, ovviamente, con un occhio alla rivale salernitana.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico