Aversa

Furto d’auto al Metropark, l’ira di Imma Lama

microcarAVERSA. Furto al parcheggio gestito dalla Metropark, un paradosso tutto aversano. E’ della mattinata di ieri il furto subito dal diciassettenne L.L., il quale, dopo aver parcheggiato la sua micromacchina presso il parcheggio attiguo alla stazione ferroviaria, gestito dalla società privata ed aver regolarmente pagato il biglietto d’ingresso, al suo ritorno ha avuto l’amara sorpresa di non ritrovarla più.

Laconici i commenti dei pochi operatori della società presenti sul posto, i quali, a fronte delle rimostranze del giovane, si limitavano a precisare che il loro compito è solo quello di sovrintendere al funzionamento della casse automatiche e delle sbarre poste all’ingresso ed all’uscita del parcheggio. Insomma, in buona sostanza, il parcheggio a pagamento gestito dalla Metropark, in virtù di un’apposita convenzione stipulata dalla nostra amministrazione comunale, tutto è fuorchè un parcheggio custodito e provvisto di assicurazione contro furti, e le sbarre che ne regolano l’accesso servono solo a garantire alla società privata la riscossione del prezzo per la sosta. Sul punto è intervenuta la consigliera comunale Imma Lama del Nuovo Sud: “Quello che è capitato a mio fratello poteva capitare a qualsiasi cittadino aversano. Ci si domanda a questo punto quali siano stati i criteri di alta socialità usati dall’amministrazione comunale per stipulare una convenzione con una società al fine di far gestire alla stessa un parcheggio a pagamento incustodito. Che servizio rende alla comunità aversana la Metropark? Quello di far accedere ad uno spazio già di proprietà pubblica, per il semplice fatto di averlo caratterizzato con delle strisce bianche e dei passaggi a livello? Fra l’altro, una delle sbarre che regolano l’accesso al parcheggio era instabile tanto da consentire un suo sollevamento ed il passaggio di una macchina di piccole dimensioni come quella rubata. Inoltre, non mi risulta che questa convenzione sia servita ad assicurare agli aversani qualche posto di lavoro in più. Quindi ,quali sono state le finalità di quest’accordo? In ogni caso, intendo – ha concluso la Lama – presentare un’apposita interrogazione nel primo consiglio comunale utile per capire l’origine e le finalità della convenzione che ha dato vita al parcheggio in questione e nel frattempo non sarebbe male che anche la magistratura si svegliasse”. Sin qui le dichiarazioni di Imma lama, ma la regina delle anomalie targate Metropack la si può ravvisare nel fatto che il cartello recante l’indicazione dei termini contrattuali che regolamentano la fruizione del parcheggio non si trova all’esterno, ma è collocato all’interno del parcheggio stesso, col risultato che molti alla vista dei passaggi a livello e degli operatori in divisa possono, comprensibilmente, essere indotti a pensare di star entrando in un parcheggio custodito. Poi, una volta all’interno, invece, l’amara sorpresa ed il tempo formalizzato in 10 minuti per riuscire gratis dal parcheggio. Non c’è che dire: uno stile “made in Forcella” con tanto di avallo della nostra amministrazione.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico