Trentola Ducenta

Pellegrino: “Sconclusionata replica di Castiello”

Trentola DucentaTRENTOLA DUCENTA. Caro Tommaso, rispondo subito, senza macerarmi per più di venti giorni, alla Tua sorprendente replica.

Poche righe perché non possiamo certo annoiare i lettori di Pupia con uno stucchevole ping pong. Prendo atto con rammarico che la tua scomposta replica è la prova del clima torbido e “fangoso” creatosi a Trentola Ducenta. Mi rendo conto che in questo clima i nervi, anche di professionisti temperati, siano a fior di pelle. Sinceramente dispiace però che i virus del sospetto, dell’offesa gratuita, della contumelia abbiano potuto mettere radici in persone al di sopra di ogni sospetto. Francamente non so dove nel mio intervento si sia potuto leggere un attacco all’associazionismo o quanto meno all’iniziativa di “ un’aggregazione spontanea di soggetti dediti al fare”. Anzi, proprio riflettendo su questo clima avvelenato, avevo rimarcato l’importanza delle associazioni che“possono solo arricchire il dibattito culturale e politico cittadino” ed inoltre avevo sottolineato che “una partecipazione attiva alla vita politica e culturale cittadina, un dibattito vivace, ma sereno, alla luce del sole, lascerebbe ai margini i calunniatori di professione”. Il riferimento agli ottimati e al cenacolo (non ho usato mai l’espressione “crasso”: non proiettiamo sugli altri i nostri schemi mentali)era chiaramente, ed era stato anche puntualizzato, ironico e nasceva, tra l’altro, da una conversazione, anche scherzosa, avuta alcuni giorni prima con un paio di tuoi amici aderenti a questa iniziativa. Potrai non credermi, ma in un territorio come il nostro martoriato da mille problemi, pensa solo alla vergogna delle ecoballe di Villa Literno, ritengo meritevole il tuo sforzo di agevolare una aggregazione di persone che vogliono impegnarsi per il proprio paese. E veramente non capisco, al di là del grado di ironia ed auto ironia che uno possa avere, dove hai potuto leggere il mio intento di apostrofare una iniziativa che tu stesso, giustamente, dici potrebbe vederci cointeressati. Ma forse è colpa mia, la tua piccata e sconclusionata replica è sicuramente dovuta al mio “palese misconoscimento dei fondamenti della interpulzione” (ovviamente volevi scrivere interpunzione, ma ai professoroni sono concessi anche gli errori di ortografia). Tralascio di rispondere ad altre tue affermazioni: ognuno ha il proprio stile. Mi auguro solo che in un clima più sereno si possa alla fine dialogare senza acredine e, chissà, potremo anche approfondire il discorso sui professionisti della politica, sulle carriere professionali costruite all’ombra di qualche mentore politico, sugli incarichi professionali ricevuti anche grazie ad appoggi politici, sui ruoli istituzionali o tecnico-politico.

PS. Visto che abbiamo tirato in mezzo la “povera” Hannah Arendt, puoi dire al tuo suggeritore che l’unica citazione, correttamente virgolettata, è esatta ed è fedele al testo. La trovi in “ La menzogna in politica. Riflessioni sui Pentagon Papers” di Hannah Arendt, a cura di Oliva Guaraldi, Edizioni Marietti 1820, pagina 13.

Avv. Giuseppe Pellegrino

Articoli correlati

L”avvocato Castiello replica a Pellegrino di Redazione del 7/03/2008

Pellegrino: “Siamo in balia di professionisti della menzogna” di Redazione del 15/02/2008

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico