Succivo

Luongo (An) chiarisce: “Nessun inciucio con la maggioranza”

Bartolomeo LuongoSUCCIVO. “Niente inciucio tra minoranza di centrodestra e gruppo del Partito Democratico, ma solo legittime richieste per svolgere al meglio la nostra funzione di controllori”. A paralare è Bartolomeo Luongo, esponente di Alleanza Nazionale, e capogruppo di opposizione in Consiglio Comunale.

Luongo smentisce categoricamente un ‘flirt’ tra alcuni esponenti politici della maggioranza, si parla di una fronda all’interno del nuovo Partito Democratico, vicina a Nicoletta D’Antonio, membro dell’assemblea regionale del Pd, ed elementi della minoranza vicini a Forza Italia. Il pettegolezzo ha preso piede dopo la richiesta dell’opposizione di esprimere il Presidente del Consiglio Comunale ed un revisore dei conti. “Questo genere di politica – ha ribadito Luongo – non appartiene né al sottoscritto né al mio gruppo, sono rispettoso dell’esito delle urne. Di conseguenza, e in virtù della volontà popolare, che ci ha relegati all’opposizione, il nostro compito non è quello di co-gestire la cosa pubblica con l’una o l’altra parte della maggioranza, ma di sorvegliare e controllare affinché l’amministrazione ponga in essere atti, fatti e provvedimenti che vadano nell’interesse della collettività”. Tuttavia, secondo le indiscrezioni, l’inciucio non è finalizzato ad una gestione comune del potere, bensì a colpire Giacomo Iovinelli, che da capogruppo dell’opposizione, oggi in maggioranza, aveva indicato il Presidente dell’assise e il membro del collegio dei revisori dei conti. Colpendo Iovinelli, attuale consigliere comunale del Campanile, si punterebbe a destabilizzare l’Udeur cittadino, che già vive una fase delicata. Così, ecco l’accordo trasversale, tra esponenti della maggioranza e settori della minoranza, non tanto per governare assieme, ma per distruggere una forza politica che conta cinque consiglieri comunali, per poi raccoglierne i cocci. Ipotesi rigettata con forza da Luongo. “Per far capire che non c’è inciucio – ha chiosato – nel prossimo Consiglio Comunale avanzerò richiesta esplicita alla maggioranza di sostenere con il suo voto la nostra mozione, ma non in maniera massonica o segreta, ma alla luce del sole, davanti all’assemblea cittadina e al popolo succivese”.

dal Corriere di Caserta, domenica 16.03.08 (di Stefano Verde)

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico