Italia

Diossina, anche il Giappone blocca importazione mozzarella

mozzarellaDopo il governo coreano, anche quelli di Giappone e Taiwan hanno deciso di bloccare le importazioni di mozzarella dall’Italia, a fronte dell’allarme diossina.

Lo rende noto il Consorzio di tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, secondo il quale le catene nipponiche di grande distribuzione avrebbero già iniziato a ritirare le mozzarelle dagli scaffali. Un danno enorme, considerando che l’export verso il Giappone di mozzarella di bufala campana nel 2005 si è attestato a 329mila chilogrammi, per un valore commerciale di 2,3 milioni di euro.

“Siamo sbigottiti perchè i controlli ci sono e garantiscono il consumo sicuro della mozzarella di bufala. Il segnale proveniente dal Giappone è tanto più preoccupante perchè non ancorato ad alcun riscontro di laboratorio”

, commenta il presidente del Consorzio, Franco Consalvo.

Il ministro per le Politiche agricole Paolo De Castro definisce “eccessiva” la posizione dei Paesi importatori e invita “a non generalizzare e a non creare pericolosi allarmismi, anche perché le indagini in corso in Campania dimostrano che i controlli ci sono, funzionano e garantiscono il consumo sicuro della mozzarella di bufala italiana”.

Una situazione che ha spiazzato la Commissione europea a Bruxelles, tanto che una portavoce ha ammesso di non disporre di altro se non di notizie di stampa.

Anche la Coldiretti scende in campo e sollecita subito un’azione diplomatica per evitare blocchi alle importazioni. “Si tratta – sottolinea la Coldiretti – di misure sproporzionate ed ingiustificate che sono assunte sotto la spinta emotiva di informazioni false e superficiali che i Ministeri competenti a livello nazionale devono saper contrastare sulla base delle importanti attività di controllo e certificazione effettuate.

Le barriere commerciali nei confronti della mozzarella di bufala sono il primo effetto esplicito dei danni provocati a settori importanti dell’economia dai ritardi accumulati nell”affrontare l’emergenza rifiuti in Campania, alla quale vengono strumentalmente collegate. Una situazione drammatica che – afferma la Coldiretti – rischia di avere un impatto economico ed occupazionale ben più rilevante di quello della vendita della compagnia di bandiera Alitalia. Occorre fare chiarezza – continua la Coldiretti – per tutelare l’immagine di un prodotto destinato per il 16 per cento all’esportazione che offre opportunità di occupazione a 20mila persone con una produzione annuale di circa 33 mila tonnellate. La mozzarella di bufala è un prodotto simbolo del Made in Italy alimentare ed è esportata, soprattutto nei Paesi Europei ma che si sta estendendo anche al Giappone e ad altri Paesi extra europei a cominciare dalla Russia. Dal 12 giugno 1996, la Mozzarella di Bufala Campana – ricorda la Coldiretti – ha ottenuto il riconoscimento del marchio a Denominazione di Origine Protetta. Come quantità di produzione è al quarto posto tra i formaggi a denominazione di origine (Dop) nazionali ed è realizzata – conclude – per circa il 90 per cento in Campania, mentre il basso Lazio e la provincia di Foggia trasformano il 10 per cento”.

L’indagine dei carabinieri del Nas e del Noe coinvolge oltre 200 aziende, allevamenti bufalini e caseifici. Intanto, dal commissariato per l’emergenza rifiuti in Campania, il professor Donato Greco, uno dei più stretti collaboratori del commissario De Gennaro, smentisce qualsiasi legame tra la crisi dei rifiuti e la contaminazione da diossina. Il responsabile del servizio veterinario della Campania, Paolo Sarnelli, rassicura: “Su 80 esami sul latte di bufala tuttora in corso nei laboratori italiani, solo 2 sono conclusi e segnalano uno sforamento minimo di diossina: 4 picogrammi (un picogrammo è un miliardesimo di milligrammo, ndr) sul limite consentito di 3. E, tuttavia, tale esito non può essere in un nessun caso considerato rappresentativo dell”accertamento globale”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico