Campania

Santa Maria a Vico, Melagrana celebra la Festa della Donna

Melagrana OnlusSANTA MARIA A VICO (Caserta). L’associazione Melagrana, in collaborazione con Cooperativa sociale Koinè, Impronte sociali settimanale di informazione e associazione “Amici della Melagrana” – Circolo Arci, nella ricorrenza del centenario della prima conferenza internazionale delle donne, organizza una serie di incontri sulla condizione femminile nel nuovo millennio.

L’iniziativa, “Donna: libera, autonoma, autodeterminata”, si terrà sabato 8 marzo, alle ore 18, presso la sede di Melagrana in via Migliori 165, conil patrocinio della Provincia di Caserta e del Comune di Santa Maria a Vico (Ce). Le radici dell’8 marzo sono da ricercarsi nel lontano 1907, quando per la prima volta Clara Zetkin e Rosa Luxemburg tennero la prima conferenza internazionale delle donne. Tre anni dopo, nel 1910, fu proposta l’istituzione di una giornata internazionale per i diritti delle donne e la scelta della data fu legata al ricordo del tragico episodio avvenuto nel 1908 a Chicago, dove ben 129 operaie trovarono la morte in seguito ad un incendio divampato nell’opificio Cotton. Nel 1977 l’Unesco decide quindi di celebrare questa giornata come giornata per il riconoscimento dei diritti sociali e politici di tutte le donne senza alcuna distinzione né di etnia né di religione. Da allora in quasi tutto il mondo l’8 marzo diventa un momento per fermarsi e riflettere sui diritti negati di quella parte del genere umano che ancora subisce vessazioni e condizioni di subalternità. La Memoria spesso lascia il passo ai problemi del quotidiano e sempre meno si pone attenzione al fatto che meno si ricorda e più le condizioni di difficoltà e di dramma umano e sociale accrescono. L’Associazione Melagrana ha ritenuto opportuno riflettere e porre attenzione sulle ragioni profonde che muovono questa ricorrenza: si è pensato di dare vita a tre incontri sulla condizione delle donne nel nuovo millennio, incoraggiandole ad uscire dal silenzio e dall’anonimato in cui, per lungo tempo, sono state relegate e porre il problema dei diritti in una società che prospera proprio sulla negazione di tali diritti. Il secondo degli incontri, “La precarietà con gli occhi delle donne”, vedrà la partecipazione di Rosa Rinaldi, Sottosegretaria di Stato del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, Maria Carmela Caiola, Assessore all”Ambiente, Ecologia, Agenda 21 Locale, Enrico Milani, Assessore Politiche del Lavoro e Centri per l”Impiego, Formazione professionale. Modera: Antonella Palermo, giornalista de “Il Corriere del Mezzogiorno”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico