Campania

Castelvolturno, LiberaMente: “Pd sfiducerà Nuzzo?”

LiberaMenteCASTELVOLTURNO (Caserta). “Durante l’ultimo consiglio comunale del 29 febbraio, oltre all’ormai nota querelle tra maggioranza e opposizione, che come sempre non tralascia accuse di carattere personale che nulla hanno a che fare coi problemi dei cittadini, …

…abbiamo assistito alla prima mossa politica del Pd successiva al famoso manifesto di recente pubblicato. Alla proposta del sindaco di rinviare la seduta, il Pd ha votato contro, unitamente all’opposizione e al consigliere Giovanni Milone”. Lo affermano i dirigenti del movimento LiberaMente di Castel Volturno. “La sconfitta – continuano – ha avuto come reazione l’abbandono dell’aula da parte del sindaco Nuzzo, degli assessori, dei consiglieri Udeur e dei restanti indipendenti di maggioranza tra gli animi surriscaldati della platea, e il consiglio è proseguito con votazione unanime contro l’esternalizzazione del servizio tributi. Facendo una piccola riflessione, è ormai chiaro che la maggioranza che amministra la nostra città non è più tale (almeno numericamente) e che sicuramente non rispecchia più i risultati elettorali. Ci chiediamo dunque: Cosa succederà ora? Il Pd rimarrà fuori dalla maggioranza decidendo di sfiduciare il Sindaco? Sarà il Sindaco stesso a rassegnare le proprie dimissioni? O si giungerà comunque ad un accordo?. Secondo noi di LiberaMente, in ogni caso, l’unica vittima sarà Castel Volturno, sia se si dovesse affrontare un commissariamento, sia si continuasse tenendo in piedi una maggioranza palesemente in crisi che paralizzerebbe la vita amministrativa. Distratti da questioni di coalizioni e schieramenti, la nostra città vede la speranza del ripristino di ordine e legalità svanire insieme alla scoperta della presenza nel nostro territorio degli ennesimi latitanti di turno quivi rifugiatisi per chissà quanto tempo prima di essere arrestati. Auguriamo, dunque, ai nostri amministratori di operare scelte in piena coscienza nell’esclusivo interesse del territorio, prestando una maggiore attenzione al bisogno di sicurezza dei cittadini”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico