Aversa

Spazi comunali per pubblicità private?

Municipio di AversaAVERSA. Avete un’impresa che voglia fare pubblicità? Il negozio di fresca apertura cerca clienti? Non volete spendere neanche un centesimo di pubblicità?

Se questo è il vostro caso leggete con attenzione quanto segue. Sembra, infatti, che maxi teli pubblicitari di aziende private tappezzeranno le facciate degli edifici pubblici. Questo lo scenario che nei prossimi mesi potremmo avere ad Aversa, grazie ad una recente autorizzazione emessa dall’Amministrazione comunale. Gigantografie 30x40mt sotto il colonnato del municipio, sulle facciate delle scuole elementari e medie o nelle arcate dell’Annunziata, sulla casa di Cimarosa e perché no, con un po’ di fantasia anche tra gli alberi del parco Pozzi, purché siano in bella mostra e su strutture ed aree comunali. E tutto lasciato alla completa discrezione dell’ufficio preposto. Il precedente risale a qualche settimana fa, quando il dirigente Elio Florio, con l’autorizzazione n°4/2008, ha permesso al titolare di una ditta privata di posizionare dei mega teli decorativi nel colonnato della palestra comunale, sita nell’ex consorzio canapa. La struttura pubblica, ormai completamente ricoperta dalle maxi immagini, con questa installazione è stata resa ancor più inaccessibile. La procedura, che a detta degli esperti sembra essere completamente “in regola” con il vigente regolamento per gli impianti pubblicitari, apre uno scenario estetico per la città aversana, insolito ed inquietante. Le aziende, grazie a questa procedura potranno chiedere di piazzare nuove tipologie di pubblicità su immobili comunali al dirigente preposto, attualmente Florio, e questi, in maniera del tutto discrezionale, le potrà autorizzare a ricavo zero per l’Ente. La grande sorpresa per i privati sarà che tutta l’operazione sarà, appunto, a costo zero: si perché almeno il Comune in queste vicende non riceve neanche un euro di fitti! Che sia un modo per rilanciare il commercio aversano o forse per coprire il degrado degli spazi pubblici?

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico