Aversa

La “Giunta del Sindaco” piace solo a Forza Italia

CiaramellaAVERSA. Ci sarà il 27 marzo prossimo la prima uscita pubblica ufficiale della “Ciaramella bis”, la nuova giunta, dallo stesso primo cittadino definita “giunta del sindaco”.

Per quella data, infatti, è prevista la seduta del consiglio comunale che vedrà all’ordine del giorno la “comunicazione del sindaco di avvenuta nomina della giunta e del vice sindaco”. Subito dopo sarà ancora Ciaramella a rivolgere ai consiglieri comunali alcune “comunicazioni” che, stando ai bene informati, dovrebbero sostanziarsi nell’illustrare l’iter seguito per nominare i dieci nuovi assessori e il prosieguo della maggioranza che, comunque, già mostra delle crepe come confermano sia le prese di posizione dell’Udc (che, ormai, diserta le riunioni di coalizione) sia di Alleanza Nazionale (che non fa mistero di essere contro a questo tipo di scelte operate da Ciaramella) sia dallo stesso Gruppo della Libertà (che si sente escluso dalla gestione politica). Insomma, un esecutivo che, di fatto, continua a piacere solo a Forza Italia, alla quale, direttamente o indirettamente, si rifanno i dieci nuovi assessori del sindaco. In ogni caso, l’autoesclusione dell’Udc farebbe comodo agli altri partiti della coalizione che, se e quando si tornerà a dare vita ad una giunta politica, si ritroveranno con due posti liberi in più da poter utilizzare per il raggiungimento degli equilibri interni. Tre posti che potrebbero essere equamente divisi proprio tra Forza Italia, Alleanza Nazionale e Gruppo della Libertà. La seduta del consiglio comunale servirà anche per concedere in comodato d’uso all’università lo storico edificio di via Castello che aveva ospitato il “Regio Ginnasio” e, fino a qualche anno fa, la ormai soppressa scuola media “Manzoni”. “L’università – ha dichiarato il vice sindaco ed assessore alle opere pubbliche Rino Rotunno – ha ricevuto un finanziamento per destinare questo edificio (con tanto di chiostro interno, n.d.r.) a quaranta miniappartamenti con relativi servizi. In questo modo si avranno due case dello studente. Quella di via Saporito destinata agli studenti fuori sede della facoltà di architettura, questa di via Castello ai giovani della facoltà di ingegneria”. Inoltre, aggiungiamo, si farà in modo di recuperare un immobile storico che, altrimenti, andrebbe irrimediabilmente perduto per non uso. I trenta consiglieri comunali aversani saranno chiamati anche a concedere la cittadinanza onoraria all’Arcivescovo Mario Milano, pastore della diocesi normanna.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico