Campania

“Gaia e Bacco, ovvero la Terra e il suo nettare”

vinoNAPOLI. Esperti italiani e francesi degusteranno i vini della Campania e si confronteranno venerdì 15 febbraio, dalle ore 9.30, al Real Orto Botanico di Napoli nell’ambito della conferenza internazionale organizzata dall’Ordine regionale dei Geologi della Campania.

“L’obiettivo è di consolidare lo scambio irrinunciabile tra mondo della ricerca – ha affermato il geologo Giuseppe Doronzo, segretario dell’Ordine della Campania – mondo libero, professionale, mondo produttivo ed istituzioni. Ciò anche proseguendo nel programma di informazione e formazione che ci siamo posti alla base dell’impegno assunto all’inizio del mandato consiliare. E’ un evento di notevole spessore con i patrocini morali di tutte le Province campane, della Regione Campania, del Comune di Napoli, dell’Università Federico II, dell’Università degli Studi del Sannio, nonché dell’Associazione Italiana Sommelier. Da sottolineare la presenza del prof. Denis Dubordieu della Facoltà di Enologia dell’Università Victor Segalen – Bordeaux II e del prof. Eric Le Bon del L.E.P.S.E. di Montepellier”.

Al convegno internazionale “Gaia e Bacco” parteciperanno anche altri esperti di grande fama quali: Massimo Mattei dell’Università degli Studi Roma Tre, Sandro Ponticelli dell’Università degli Studi di Firenze, Andrea Buonuomo della Seconda Università di Napoli, Adriano Mazzarella dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, l’enologo Vincenzo Mercurio, Domenico Guida dell’Università degli Studi di Salerno, Mariano Mercurio dell’Università degli studi del Sannio. È prevista la partecipazione del sindaco di Napoli, Rosa Russo Iervolino, dell’Assessore all’Agricoltura e alle Attività Produttive della Regione Campania, Andrea Cozzolino e dei presidenti delle province campane.

“Inoltre avremo la presenza del presidente dell’Ordine Regionale dei Geologi della Campania, Francesco Russo – ha proseguito Doronzo – il quale aprirà i lavori e del Presidente Nazionale dell’Ordine dei Geologi, Pietro De Paola che invece concluderà il convegno internazionale. E’ un evento durante il quale francesi e italiani degusteranno i vini campani e non mancherà il confronto su temi di stretta attualità. L’importanza del fattore geologico nella produzione vinicola è oramai riconosciuta nella legislazione italiana, tanto che nella procedura per l”ottenimento della Denominazione di Origine Controllata e garantita è previsto uno studio geologico di dettaglio comprendente anche un profilo pedologico. Nel complesso mondo agricolo si segnalano, altresì, sempre più interventi di mitigazione del rischio idrogeologico e di recupero agrario che vedono nel geologo un “attore” principale. Va ricordato come le tematiche oggetto del convegno internazionale siano estremamente pertinenti per quanto attiene le attività professionali dei Geologi. Si ricorda come per le misure del Piano Operativo Regionale (POR) 2000-2006 notevoli linee di flusso finanziario siano state indirizzate per misure operative concernenti le sistemazioni idrogeologiche, la mitigazione dei rischi a franare ed idraulico, il ripristino, riassetto e realizzazione della rete sentieristica. Tali interventi hanno visto il Geologo avere un ruolo fondamentale nella pianificazione degli interventi sia in ambito agricolo che idraulico – forestale in svariati ambiti fisiografici. Va considerato che dalla lettura dell’attuale Piano Territoriale Regionale (PTR), facendo riferimento alle considerazione relative ai corridoi ecologici e più in generale per la riqualificazione ambientale, nei prossimi anni saranno preferiti in modo pressoché esclusivo, interventi a basso impatto ambientale che saranno presentati durante il convegno. Da più parti, inoltre, si apprende come i prossimi finanziamenti europei saranno incanalati verso misure che tendono alla ricostruzione del paesaggio in genere con notevole attenzione per quello agricolo – forestale nonché alla mitigazione dei rischi idrogeologici”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico