Aversa

Vandali o imbecilli?

rifiuti bruciatiAVERSA. Come direbbe il buon Lubrano: “La domanda nasce spontanea”. I personaggi che ogni giorno distruggono tutto quello che incontrano sulla loro strada sono vandali o semplici imbecilli? Risposta: tutte e due le cose.

Ma che senso ha distruggere, in un’orgia d’animalesca e incontrollabile furia: i cestini della carta, i dissuasori al parcheggio delle auto, i cartelli stradali, le fioriere, le panchine, gli armadietti di ferro dell’Enel o della Telecom, i citofoni, le cassette della posta, le piante, le fontane ecc. Per questi emeriti cretini che ogni sera incendiano anche le “piramidi” d’immondizia, cosa rappresenta l’arredo urbano? Forse è un sistema per sfogare la loro rabbia repressa, un modo di tenersi in allenamento o la palestra dove “formarsi” nell’attesa di visitare, speriamo il più presto possibile, le patrie galere? Quale deserto deve esserci nel cranio di una persona per indurlo a distruggere il posto dove vive? Com’è possibile che una città sia lasciata in balia di questi decerebrati? Com’è possibile che nessuno di questi sciagurati sia colto con le mani nel sacco? Ancora una volta bisogna prendere atto che è necessario un’intensificazione delle azioni di controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine, anche se, in questo, come in altri casi, il problema è più di natura culturale che d’ordine pubblico. La cultura della violenza gratuita e dell’autodistruzione è divenuta patrimonio di larghe fasce di popolazione giovanile. Del resto con gli esempi nefasti che giungono dalle istituzioni, dove si sputano addosso e lanciano oggetti contundenti contro, prendendosi a calci in culo, come degli hooligans ubriachi e fatti di cocaina, persino i Senatori della Repubblica, forse è il caso di dirci fortunati a ritrovarci solo con i cestini della carta, le fioriere e le fontane “rotte”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico