Italia

Bari, polizia arresta sfruttatori di nigeriane

poliziaBARI. Vasta operazione della squadra mobile della questura di Bari che ha smantellato un’organizzazione criminale dedita allo sfruttamento della prostituzione di donne nigeriane.

In manetteotto persone, tra Bari, Lecce e Vicenza, di cui sei nigeriani e due italiani. Tra gli indagati figurerebbe anche un noto avvocato barese che avrebbe aiutato le ragazze a ottenere il permesso di soggiorno. Il pm Scelsi ha ordinato una perquisizione al suo domicilio.Secondo la polizia, il professionista avrebbe indotto 150 nigeriane a dichiarare una falsa provenienza per far ottenere loro il permesso di soggiorno provvisorio e per favorire la loro permanenza in Italia. I reati contestati agli otto arrestati sono tratta di esseri umani, riduzione in schiavitù, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Le ragazze che rimanevano incinte dai loro clienti si facevano consegnare fino a 800 euro in contanti per interrompere le gravidanze. In una telefonata intercettata dalla Polizia,una prostituta si fa consegnare dal cliente che si era innamorato di lei 500 euro per interrompere la gravidanza e si fa promettere altri 300 euro, sostenendo che il denaro le sarebbe servito perpoter far ricorso ad un aborto clandestino. Le ragazzesarebbero statecostrette a prostituirsi da circa quattro anni su quattro arterie stradali di Bari, creando un grande traffico e scatenando l’ira dei residenti che invocavano un maggior controllo delle forze dell’ordine.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Aversa, De Cristofaro respinge accuse su Eav, buche e luminarie: "Facciamo fatti nel rispetto delle norme" - https://t.co/Wn6kqhMTOC

Trentola Ducenta, trasferimento mercato: per opposizione c'è rischio sospensione e spreco denaro pubblico - https://t.co/77F2Pr6WGy

Aversa, cena di beneficenza alla Salumeria del Seggio con lo chef Gaetano Torrente - https://t.co/1MqrCe3HSz

Aversa, “La politica che serve”: incontro alla Maddalena di Millennials e associazioni https://t.co/eoHmUx4HAK

Condividi con un amico