Italia

5 anni di reclusione per Totò Cuffaro

Salvatore CuffaroPALERMO. Il Tribunale di Palermo ha condannato il Presidente della Regione Sicilia Salvatore Cuffaro a cinque anni di reclusione nell’ambito dell’inchiesta su alcune “talpe” alla Dda del capoluogo siciliano.

I giudici della terza sezione penale, riuniti in Camera di consiglio dalle 9.40 di mercoledì, hanno ridotto di tre anni la richiesta dell’accusa imputando Cuffaro di favoreggiamento e violazione del segreto d’ufficio ma senza l’aggravante di agevolazione mafiosa. Inoltre e’ stata applicata anche la pena accessoria dell’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. L’imputato, presente in aula, ha stretto la mano ai tre pm, il procuratore aggiunto Giuseppe Pignatone, e i sostituti Maurizio De Lucia e Michele Prestipino, dichiarandosi “rispettoso delle istituzioni”. Dopo la lettura della sentenza Cuffaro ha dichiarato: “Mi sento un po’ più confortato perché sapevo di non essere colluso con la mafia e di non aver mai fatto niente per favorire la mafia. Il fatto che anche una corte per cui ho avuto grande rispetto me lo abbia riconosciuto è di molto conforto. Assieme ai miei avvocati – ha aggiunto- leggeremo la sentenza e ricorreremo in appello perché anche questi residui capi di accusa possano essere spiegati alla corte di appello che ci giudicherà. Domani mattina – ha concluso il presidente della regione – di buon’ora ora come sempre incontrerò la gente e alle 8 devo sedermi al mio tavolo di lavoro perché la Sicilia ha bisogno di un presidente che la faccia crescere”. Oltre a Cuffaro c’erano altre dodici persone fisiche e due società imputate nel processo, tra cui l’imprenditore della sanità Michele Aiello, condannato a 14 anni, il maresciallo del Ros dei carabinieri, Giorgio Riolo, condannato a 7 anni, Lorenzo Iannì, dipendente dell’Asl 6, ex dirigente del distretto di Bagheria accusato di truffa sanitaria condannato a 4 anni e 6 mesi, come il medico radiologo Aldo Carcione, ed infine l’ex vicequestore Giacomo Venezia che è stato condannato a 3 anni.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico